Agnelli: “Con la Superlega trasformiamo la competizione europea”. La Fifa disapprova: “Separatista e chiusa”

Il presidente della Juventus e vicepresidente della SuperLega commenta la nascita del nuovo format che riunisce per il momento 12 club europei
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I 12 Club Fondatori hanno una fanbase che supera il miliardo di persone in tutto il mondo e un palmares di 99 trofei a livello continentale. In questo momento critico ci siamo riuniti per consentire la trasformazione della competizione europea, mettendo il gioco che amiamo su un percorso di sviluppo sostenibile a lungo termine, con un meccanismo di solidarietà fortemente aumentato, garantendo a tifosi e appassionati un programma di partite che sappia alimentare il loro desiderio di calcio e, al contempo, fornisca un esempio positivo e coinvolgente“. Lo ha detto Andrea Agnelli, presidente della Juventus e vicepresidente della SuperLega, sostenendo la nascita del nuovo format che riunisce per il momento 12 club europei.

LEGGI ANCHE: Calcio, annunciata la nascita della Superlega: ci sono Juventus, Inter e Milan

Anche Florentino Perez, da pochi giorni rieletto alla guida del Real Madrid e primo presidente della SuperLega, ha commentato la nascita della nuova competizione: “Aiuteremo il calcio ad ogni livello e lo porteremo ad occupare il posto che a ragione gli spetta nel mondo. Il calcio è l’unico sport davvero globale con più di quattro miliardi di appassionati e la responsabilità di noi grandi club è di rispondere ai loro desideri”.

Queste invece le parole di Joel Glazer, co-chairman del Manchester United e vicepresidente della SuperLega: “Mettendo insieme i più grandi club e giocatori del mondo ad affrontarsi per tutta la stagione, la Super League aprirà un nuovo capitolo per il calcio europeo, assicurando una competizione e strutture di prim’ordine a livello mondiale, oltre a un accresciuto supporto finanziario per la piramide calcistica nel suo complesso”.

CALCIO. FIFA: DISAPPROVAZIONE PER LEGA EUROPEA SEPARATISTA E CHIUSA

“La FIFA non può che esprimere la sua disapprovazione per una ‘lega europea separatista e chiusa’ al di fuori delle strutture calcistiche internazionali e che non rispetti i principi sopra menzionati”. Così la FIFA in un comunicato ufficiale rilasciato in merito all’annuncio da parte di 12 club della creazione della Super League.

LEGGI ANCHE: Calcio, Uefa e federazioni europee contro la ‘Superlega’: “Club saranno squalificati”

“Alla luce delle numerose richieste da parte dei media, come già affermato più volte la FIFA desidera chiarire di essere fermamente a favore della solidarietà nel calcio e di un modello di ridistribuzione equa che possa aiutare a sviluppare il calcio come sport, in particolare a livello globale, dato che lo sviluppo del calcio nel mondo è la nostra missione primaria- scrive la Federazione- Dal nostro punto di vista, e in conformità con i nostri statuti, qualsiasi competizione calcistica, nazionale, regionale o mondiale, dovrebbe sempre riflettere i principi fondamentali di solidarietà, inclusione, integrità ed equa ridistribuzione finanziaria. Inoltre, gli organi di governo del calcio dovrebbero impiegare tutti i mezzi legali, sportivi e diplomatici per garantire che ciò rimanga così”.

La FIFA, conclude la nota, “è sempre sinonimo di unità nel calcio mondiale e invita tutte le parti coinvolte in accese discussioni a impegnarsi in un dialogo calmo, costruttivo ed equilibrato per il bene del gioco e nello spirito di solidarietà e correttezza La FIFA, ovviamente, farà tutto il necessario per contribuire a un percorso armonizzato nell’equità complessiva del calcio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»