Vaccino, Rezza: “Sospensione AstraZeneca controproducente ma necessaria”. Oggi ripartono le somministrazioni

gianni_rezza
"Aifa continuerà a vigilare e questo dimostra quanto la vaccino vigilanza sia accorta nel nostro Paese"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ci eravamo detti che sarebbe stato controproducente sospendere la somministrazione dei vaccini, ma poi abbiamo dovuto farlo perché occorre essere sicuri di quello che somministriamo basandoci su un principio di precauzione. Prima della sospensione di AstraZeneca eravamo a 200mila somministrazioni al giorno e avevamo fatto delle stime per arrivare all’ampliamento delle inoculazioni. Ora servirà non solo accelerare ma aumentare le inoculazioni per recuperare i tempi della sospensione. Aifa continuerà a vigilare e questo dimostra quanto la vaccino vigilanza sia accorta nel nostro Paese. Nel Regno Unito oltre dieci milioni vaccinate con AstraZeneca e dieci con Pfizer, con risultati ottimali sulla copertura”. Lo ha detto Giovanni Rezza, direttore della prevenzione del ministero della salute, nel corso della conferenza stampa al dicastero.

LEGGI ANCHE: Ema: “Vaccino Astrazeneca sicuro ed efficace”. Oggi alle 15 riprende la somministrazione

“IMPOSSIBILE DIRE ORA QUANDO CITTADINO RICEVERÀ DOSE”

“Sinceramente è impossibile dire quando un cittadino sara vaccinato. Ci sono però le classi di priorità e le categorie. Il tema però è: alla luce dei lavori che si ritengono essenziali, tra le categorie, si è deciso di procedere per età e per fragilità. Stabilire ora quando ciascuno sarà vaccinato non credo faccia parte del piano vaccinale e questo sarà in funzione delle dosi disponibili. Diamoci l’obiettivo di vaccinare 300-400mila persone al giorno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»