Conad: “Gli esuberi sono tremila, ma nessun licenziamento nel 2020”

Le soluzioni ipotizzate riguardano "pre pensionamenti, sostegno al reddito con cassa integrazione e incentivi volontari"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Ad oggi non abbiamo fatto nessun licenziamento e non ne faremo per tutto il 2020, parlo ovviamente di licenziamenti collettivi, poi se uno ruba è un altro problema”. Lo dice il segretario generale della Conad Sergio Imolesi, nel corso di una audizione in commissione Attività produttive alla Camera, a seguito dell’acquisizione di Auchan.

“Abbiamo 3 mila esuberi e il 2020 ci servirà per ridurre questo problema di organici non sostenibili”, spiega. Le soluzioni che abbiamo ipotizzato riguardano “pre pensionamenti, sostegno al reddito con cassa integrazione e incentivi volontari”. Inoltre si lavorerà anche sulla “ricollocazione nel mondo Conad, abbiamo altri negozi e operazioni di sviluppo”. Infine, Imolesi ricorda che sabato prossimo ci sarà un incontro con i sindacati “per trovare un accordo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»