hamburger menu

Gianni Morandi: “A Sanremo torno bambino, mi rimetto in gioco”

Il cantautore torna in gara al Teatro Ariston con 'Apri tutte le porte'

gianni_morandi

ROMA – Ha rischiato di veder sfumare il suo ritorno al Festival di Sanremo per uno ‘spoiler’ audio e ora Gianni Morandi non vede l’ora di salire sul palco del Teatro Ariston, in gara dall’1 al 5 febbraio. Il cantautore si esibirà con ‘Apri tutte le porte’, un pezzo scritto da Lorenzo Jovanotti e nato subito dopo l’incidente alla mano che ha visto coinvolto il 77enne lo scorso marzo.

LEGGI ANCHE: Gianni Morandi ‘ragazzo fortunato’ in corsia al Bufalini di Cesena

Morandi: “Io con Jovanotti, come Berti con Fedez e Lauro: giovani danno energia ai dinosauri”

Ad accendere la miccia della scrittura una chiamata fatta da Jova a quello che definisce uno dei suoi artisti preferiti, in quel momento costretto in ospedale da 27 giorni. “Ci sentiamo- ricorda Morandi- mi chiede come sto. Poi gli viene quest’idea, mi dice: ‘Ho una canzone, si chiama ‘L’allegria’, dovrei cantarla io ma se vuoi te la mando’ e così ha fatto. L‘ho registrata ed è stata per me una terapia, anche la mia mano guariva meglio. Questa canzone ci ha portato a sentirci più frequentemente, sono andato a trovare Lorenzo a Cortona e poi è nata ‘Apri tutte le porte’, una canzone di speranza”. Usciti dallo studio è arrivata immediata l’idea di provare a inviarla ad Amadeus. Il resto, come si dice, è storia.

Cantante in gara, ospite, direttore artistico e conduttore: la storia d’amore tra Gianni Morandi e Sanremo dura ormai dagli Anni 70 e sembra non avere fine. “Per me è un palcoscenico molto importante- spiega l’ormai idolo anche dei social- lì ritorno bambino come quando nel 1958 vidi Modugno che cantava ‘Volare’ e da lì è nata la voglia di provare a fare questo mestiere e l’amore per Sanremo. Lo vedevo in un bar a Monghidoro, l’unico che aveva la tv”.

Sul palco dall’1 febbraio, in ogni caso, sarà come se fosse la prima volta, un rimettersi in gioco come spiega lui stesso alla vigilia. “Ci ritorno con una specie di scossa- ammette- di emozione. Non è la stessa cosa di fare l’ospite. Credo che la tremarella possa venire anche a uno come me che ne ha viste di cotte e di crude, mi immagino i 5 minuti prima di esibirmi con le mani che mi sudano”.

Sarà “l’emozione di un debuttante”, ne è certo Morandi, il quale porta un brano che ricorda proprio gli inizi della sua carriera, i grandi pezzi che lo hanno reso un’icona della musica nostrana. “Mentre L’allegria era una canzone jovanottiana che poi è diventata un po’ mia- dice l’interprete di ‘Un mondo d’amore’- questa forse ricorda le mie vocalità perché scritta proprio pensando a me”.

Prima di Sanremo, però, Gianni Morandi torna con una parentesi live. Il cantautore sarà al Teatro Duse di Bologna con le sei date di recupero di ‘Stasera gioco in casa’, i concerti sospesi a causa della pandemia. Parte stasera Morandi, per poi continuare il 20, 25 e 27 gennaio. Due le date a febbraio, l’8 e il 9. “Sono una preparazione per Sanremo, avere mille persone davanti mi aiuta molto” ma i fan sanno già che – comunque vada – il suo festival sarà un successo.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-19T18:34:06+02:00