Frasi sessiste su un libro di scuola. Azzolina: “Semplicemente vergognose”

"Faremo certamente i dovuti approfondimenti e segnaleremo la cosa all’Associazione italiana editori", ha detto la ministra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Donne troppo grasse per indossare una minigonna, belle da sembrare un angelo o talmente brutte che nessun ragazzo le degna di uno sguardo. Sono le frasi sessiste rintracciate su un libro di testo dal deputato di +Europa, Alessandro Fusacchia, padre di una bambina. Oggi sulla vicenda e’ intervenuta anche la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che ha definito le frasi “semplicemente vergognose“. 

LEGGI ANCHE: La mamma? ‘Cucina’ o ‘stira’, invece il papà ‘lavora’ o ‘legge’. Gli stereotipi sui libri di scuola, è polemica

La scuola si batte ogni giorno per educare le ragazze e i ragazzi al rispetto, all’uguaglianza– ha proseguito la ministra in un post su Facebook- Un lavoro che rischia di essere vanificato se non facciamo tutti la stessa doverosa attenzione ai messaggi che si trasmettono. Che frasi come quelle siano scritte in un libro di testo e’ molto grave. Faremo certamente i dovuti approfondimenti e segnaleremo la cosa all’Associazione italiana editori, che siamo certi offrira’ la sua collaborazione per evitare che cose del genere accadano ancora. Dobbiamo essere ancora piu’ vigili sul tema del sessismo- ha concluso Azzolina- Oggi parliamo di un libro di testo, ma queste cose accadono ogni giorno sui social, dove le donne vengono continuamente attaccate per come si vestono, si truccano, vengono aggredite verbalmente, anche e soprattutto se sono personaggi pubblici”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»