Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Giappone una sentenza storica a favore del matrimonio gay

Il rifiuto del riconoscimento del matrimonio tra persone dello stesso sesso "è una discriminazione senza alcun fondamento giuridico”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FUKUOKA – La corte del tribunale distrettuale di Sapporo, in Hokkaido, ha pronunciato una sentenza storica che statuisce l’incostituzionalità del mancato riconoscimento dei matrimoni tra persone dello stesso sesso da parte delle autorità del Giappone.

La sentenza offre una prima importante base giuridica in risposta ad una serie crescente di cause legali sul tema giunte nei tribunali di tutto il Paese negli ultimi anni. Il tribunale ha ritenuto che “l’attuale situazione in cui le coppie dello stesso sesso non possono ricevere benefici legali a causa della loro mancanza di riconoscimento ufficiale viola l’articolo 14 della Costituzione, che garantisce l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge”.

Il rifiuto del riconoscimento del matrimonio tra persone dello stesso sesso “è una discriminazione senza alcun fondamento giuridico”, ha affermato il presidente della corte Tomoko Takebe, il quale ha anche riconosciuto come la questione, essendosi iniziata a palesare solo di recente, non ha finora concesso “sufficiente tempo al governo per fornire una risposta adeguata alla società di oggi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»