Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Contagi e ricoveri Covid in continua salita, leggero calo dell’Rt

terapia intensiva ospedale coronavirus
L'incidenza settimanale a livello nazionale in netto aumento: si è passati da 176 a 241 casi per 100.000 abitanti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nell’ultima settimana si è registrato un netto aumento dei contagi così come dei ricoveri nelle terapie intensive. In crescita anche il numero di casi individuati da persone sintomatiche. A dirlo è il monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19.

CONTAGI IN CRESCITA E RIALZO DELLE TERAPIE INTENSIVE

Il tasso di occupazione in terapia intensiva, spiega una nota, è al 9,6% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 16 dicembre) vs l’8,5% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 9 dicembre). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 12,1% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 16 dicembre) vs il 10,6% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 9 dicembre).

RT IN LEGGERO CALO (1,13), MA SOPRA SOGLIA EPIDEMICA

Nel periodo 24 novembre-7 dicembre 2021, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,13 (range 1,09-1,19), leggermente in diminuzione rispetto alla settimana precedente ma al di sopra della soglia epidemica. È stabile, ma ancora sopra la soglia epidemica, l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt = 1,09 (1,06-1,14) al 7/12/2021 vs Rt = 1,07 (1,03-1,11) al 29/11/2021). Dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute emerge anche che l’incidenza settimanale a livello nazionale in netto aumento: 241 per 100.000 abitanti (10/12/2021 -16/12/2021) vs 176 per 100mila abitanti (03/12/2021-09/12/2021), dati flusso ministero Salute.

IN AUMENTO IN ITALIA NUOVI CASI NON ASSOCIATI A CATENE TRASMISSIONE

In forte aumento il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (42.675 vs 37.278 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in diminuzione (31% vs 34% la scorsa settimana). È in aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (43% vs 40%), mentre è stabile la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (26% vs 26%).

UNA REGIONE/PA IN ITALIA È CLASSIFICATA A RISCHIO ALTO

Una regione/pa è classificata a rischio alto, 18 regioni/ppaa risultano classificate a rischio moderato. Tra queste, tre regioni/ppaa sono ad alta probabilità di progressione a rischio alto secondo il dm del 30 aprile 2020, mentre per una regione non è stato possibile valutare la progressione. Due regioni/ppaa sono classificate a rischio basso. Sono 13 le regioni/ppaa che riportano un’allerta di resilienza. Una regione/pa riporta molteplici allerte di resilienza. È quanto emerge dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»