VIDEO | Padre Dall’Oglio, la sorella: “Auguri a Paolo, il nostro regalo sarà la verità”

Il messaggio per il 66compleanno del missionario rapito a Raqqa, in Siria, nel luglio del 2013
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Oggi ricorre il compleanno di mio fratello Paolo. Sono trascorsi 2.665 giorni dal suo sequestro a Raqqa, in Siria nel luglio del 2013. Sette anni lunghi e dolorosi anche se sempre accompagnati dalla consapevolezza che Paolo si sentiva chiamato ad una missione che sentiva profondamente dentro di se’ e che, come ha scritto lui stesso nel libro ‘Collera e luce’, ‘hanno a che vedere con l’impegno della mia vita. Questa e’ una guerra civile che lacera la mia anima. Vorrei fare qualcosa per fermarla… Ma non voglio vivere una vita che sia altro da un dono radicale’. Per questo ritengo che la domanda di verita’ su cio’ che e’ successo sia un diritto ma e’ anche un dovere della comunita’ nazionale ed internazionale verso di lui, e non solo”. Cosi’ Francesca Dall’Oglio, la sorella di padre Paolo Dall’Oglio, ha scritto in una nota, in occasione del 66esimo compleanno del missionario romano ‘Abuna Paolo’.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Padre Dall’Oglio, la sorella Francesca: “Da sette anni lotto per la verità”

La famiglia di Paolo Dall’Oglio: “È vivo anche lui, lo aspettiamo”

Come prosegue Francesca Dall’Oglio, “verita’ vuol dire individuare le responsabilita’ e gettare le basi per una futura pacificazione perche’ per innestare i semi dell’armonia e’ necessario guarire tutte le ferite che in questi nove anni di conflitto si sono aperte, a partire dalla verita’ sulle migliaia di siriani scomparsi perche’ arrestati, sequestrati o uccisi”. Secondo la sorella di padre Paolo, “riportare a casa chi e’ ancora segregato oppure dare sepoltura a chi e’ stato ucciso, dando finalmente sollievo alle famiglie che da anni aspettano, e’ un dovere che chiama in causa anche i Paesi occidentali”.

Ribadendo la necessita’ di ottenere verita’ su padre Paolo, Francesca Dall’Oglio conclude: “Negli ultimi mesi, il ritorno a casa di Silvia Romano, padre Luigi Maccalli e Nicola Chiacchio – tutte persone su cui le speranze cominciavano a indebolirsi – e’ stata fonte di grande gioia e speranza. Ed e’ con questo tipo di ottimismo che si rinnova l’appello a non lasciare intentata nessuna strada. Sarebbe il piu’ bel regalo che si potrebbe fare a Paolo e al suo impegno per l’armonia su questa terra”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»