Contro l’Aids la Tanzania acquista 30 milioni di preservativi

Il Governo ha deciso di intervenire dopo che si sono ridotte le scorte che le autorità fanno arrivare ad alberghi, ostelli e altri luoghi turistici
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – In Tanzania i preservativi costano caro, così per evitare che le persone ci rinuncino, il governo ha annunciato l’acquisto di 30 milioni di unità. Nel Paese dell’Africa orientale la lotta alle malattie sessualmente trasmissibili, prime tra tutte l’Hiv/Aids, ha ottenuto dei buoni risultati negli ultimi anni, tuttavia le autorità restano vigili.

“La diffusione dell’Hiv si attesta ora al 4,7 per cento, rivelando che i contagi a livello nazionale stanno diminuendo“, ha dichiarato a fine settembre il viceministro della Sanità, Faustine Ndugulile. Tuttavia, ha aggiunto il ministro, “al momento i giovani sono quelli maggiormente colpiti dal virus. Stiamo lavorando a nuove strategie per rispondere al problema”. Rendere più disponibili i contraccettivi fa parte di questa politica.

Di recente infatti, come riporta la ‘Bbc’, si sono ridotte le scorte che le autorità fanno arrivare ad alberghi, ostelli e altri luoghi turistici, i principali punti di distribuzione gratuito. A causa di un taglio alle forniture, i titolari delle strutture ricettive hanno dovuto provvedere acquistandoli direttamente, e imponendo così un prezzo, che oscilla a seconda della marca tra i 3mila e 10mila scellini tanzaniani. Una cifra che può essere significativa, ad esempio, per chi lavora in agricoltura, dal momento che, stando ai dati della Wage Indicator Foundation percepisce un salario settimanale medio di circa 23mila scellini.

Il viceministro Ndugulile ha annunciato anche una campagna di screening per gli uomini, in quanto dati del ministero hanno mostrato che soprattutto quelli sposati sono i meno disponibili ai controlli: “Il più delle volte- ha spiegato Ndugulile- ritengono sufficiente che la moglie risulti negativa al test dell’Hiv”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»