Scuola, Gorga: “Contro la dispersione più sostegni agli istituti di periferia”

"Nella nostra regione il tasso di abbandono è quasi del 20%", lo rende noto la candidata al Consiglio regionale della Campania con la lista Campania Libera a sostegno di Vincenzo De Luca
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Quando gli studenti della Campania torneranno sui banchi di scuola non dimentichiamoci dei loro coetanei per i quali la campanella anche quest’anno non suonera’ perche’ la scuola l’hanno abbandonata prima di aver terminato gli studi”. Lo afferma Clelia Gorga, candidata al Consiglio regionale della Campania con la lista Campania Libera a sostegno di Vincenzo De Luca presidente.

“La dispersione scolastica nella nostra regione e’ tra le piu’ alte in Italia – prosegue – con tasso di abbandono quasi del 20%. Per sostenere l’attivita’ scolastica in aree a forte degrado culturale questa Giunta regionale ha varato il programma ‘Scuola Viva‘, un progetto importante che va proseguito e rafforzato. Ma e’ altresi’ necessario un approccio sistemico, coordinato e incentrato su precise priorita’, da parte delle istituzioni nazionali. Attraverso un maggiore sostegno a quelle scuole di periferia dove piu’ alto e’ il rischio di dispersione, e una piu’ efficace organizzazione strutturale, perche’ se la zona maggiore di dispersione scolastica e’ quella del biennio delle superiori, e’ li’ che bisogna intervenire con uno sforzo ulteriore di cambiamento“. Il numero crescente di episodi di bullismo, di violenze giovanili, di casi di omofobia e razzismo, sono spesso per Gorga “l’altra faccia della medaglia di una poverta’ sociale e culturale che interessa diverse fasce della popolazione giovanile dove e’ anche piu’ grande il rischio dell’incidenza criminale. Qualche giorno fa, all’apertura dell’anno scolastico a Vo’ Euganeo il presidente Mattarella ha ricordato che ‘la scuola e’ un antidoto alla violenza’. Facciamo ogni sforzo perche’ lo sia davvero”, conclude Gorga.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»