Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nave Open Arms con 275 migranti a bordo ferma al largo di Palermo

Ha fatto rotta verso il capoluogo siciliano dopo il diniego da parte di Malta a concedere riparo per un temporale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – La nave Ong Open Arms, con a bordo 275 migranti, e’ ferma nel mare della Sicilia occidentale, a nord-ovest di Palermo. La nave ha fatto rotta verso il capoluogo siciliano dopo il diniego da parte di Malta a concedere riparo per un temporale: un rifiuto che, secondo quanto riferito dalla Ong, ha provocato momenti di tensione a bordo con 76 persone che si sono gettate in mare per la disperazione, venendo poi recuperate grazie anche all’intervento della guardia costiera.

MUSUMECI: “ONG NEI PORTI SICILIANI? UNA BEFFA”

Leggere sui giornali che l’Europa cambia la linea sui migranti, mentre tutte le Ong si dirigono solo sui porti siciliani, suona come una beffa. Sembra che la cosa non interessi piu’ a nessuno, ma continua ad essere la Sicilia a sostenere il peso piu’ grande di questa emergenza nell’emergenza. Aspettiamo il 23 settembre, un nuovo accordo che superi finalmente quello di Dublino? O qualcuno, se davvero e’ cambiata la musica, si fa carico di venire incontro all’Italia e alla Sicilia, aprendo i porti di altri Paesi europei?”. Lo dice il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

Da mesi – prosegue – chiediamo al governo centrale di mettere in sicurezza igienico-sanitaria hotspot e centri di accoglienza. Il Viminale sembrava essersi svegliato tra il 4 e il 5 settembre, con due atti e dopo l’incontro chiesto e ottenuto a Roma con il premier, ma ancora passano i giorni, le settimane e non si e’ visto un solo intervento concreto per restituire sicurezza sanitaria a quei luoghi e alla nostra popolazione. Tanti impegni ma nessun fatto concreto. Quando le parole diventeranno azioni? Siate veloci, presidente Conte e ministro Lamorgese, come fate quando impugnate una nostra ordinanza. Non costringeteci ad agire di nuovo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»