Sanità digitale e privacy, istituzioni a confronto nel webinar di Anorc

Garantire il rispetto della privacy è il tema del webinar del prossimo 21 luglio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ospedali ‘connessi’ capaci di condividere
dossier sanitari, effettuare visite in telemedicina, monitorare i
pazienti cronici a distanza. E’ la sanita’ digitale che l’Italia
insegue da tempo e che per diventare strutturale e organica
necessita di strategie, di solide fondamenta e di professionisti
competenti.

Perche’ l’enorme flusso di sensibilissimi dati
sanitari generati e condivisi dovra’ viaggiare su binari sicuri,
cosi’ da garantire il rispetto della privacy dei cittadini.

Il tema sara’ al centro del webinar organizzato da Anorc il prossimo 21 luglio alle ore 12 a cui parteciperanno rappresentanti del ministero della Sanita’, del Garante della Privacy e di Agid, assieme a esperti di diritto dell’Informatica e della protezione dei dati e al presidente della Societa’ Italiana Telemedicina, Antonio Vittorino Gaddi.

Un incontro moderato dal direttore dell’agenzia di stampa Dire, Nicola Perrone, che potra’ essere seguito in diretta dai canali Facebook e YouTube di Agenzia Dire e Anorc.
“Parleremo della grande opportunita’ che le tecnologie offrono al Servizio Sanitario del nostro Paese- anticipa l’avvocatoAndrea Lisi, presidente di Anorc Professioni e relatore del webinar- che deve pero’ essere colta tramite un altrettanto grande cambiamento. Perche’ l’infrastruttura sanitaria digitale si poggia su pilastri ancora fragili e su competenze poco diffuse.

Mentre bisogna creare delle fondamenta stabili e
garantire i giusti standard di sicurezza per i cittadini. Per
questo serve una strategia omogenea o si rischia di ripetere
l’esperienza della app Immuni”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»