Scuola, la circolare sulla doppia mascherina? Cts: “Grave, nessuna base scientifica”

scuola mascherina
Una fonte alla Dire: "Ci sono delle indicazioni che non possono essere banalizzate dall'Associazione dei presidi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nessuno, né il ministero della Salute, né l’Istituto superiore di Sanità, né tantomeno il Cts ad oggi ha dato un’indicazione del genere. Siamo stupiti che l’Associazione dei presidi mandi in giro una circolare del genere. Si occupi di latino, di filosofia o di matematica, non di strumenti di protezione individuale che non sono di sua competenza”. Così una fonte del Comitato tecnico scientifico interpellata dall’agenzia Dire in merito alla lettera fatta circolare tra i presidi dall’Associazione nazionale dei dirigenti pubblici della scuola (Anp) del Lazio, in cui si invitano gli studenti e i docenti ad indossare la doppia mascherina in aula.

LEGGI ANCHE: Bassetti: “Doppia mascherina a scuola? Gli studenti indossino bene la chirurgica”

“Ci sono delle indicazioni che non possono essere banalizzate dall’Associazione dei presidi, che dovrebbero evitare di dare indicazioni scientifiche che spettano ad altri. Casomai- prosegue la fonte del Cts- chiedano prima un parere. Ma che i presidi mandino in giro questa circolare è un grande errore“.

Ma è opportuno che gli studenti indossino due mascherine a scuola? “Se indossata bene, quella chirurgica è più che sufficiente per i ragazzi. Mettere la doppia mascherina poi è un’ovvietà- risponde la fonte del Cts alla Dire- nel senso che rispetto alla protezione è ovvio che due mascherine proteggono meglio di una. Però questa è un’indicazione che non può essere fatta sulla base di ovvietà o di considerazioni diciamo di ‘buonsenso’, perché non c’è una base scientifica“.

Si possono anche indossare due mascherine, allora, ma “se quelle due mascherine sono inadeguate non si rivolve il problema, perché il salto di qualità si fa sulla base della capacità filtrante, per cui una mascherina fatta in casa ha una capacità filtrante diversa da quella chirurgica, che a sua volta ha una capacità filtrante diversa da una Ffp2 piuttosto che da una Ffp3. Bisogna essere prudenti perché si passa velocemente all’indicazione di usare il massimo della capacità che è la Ffp3, dicendo un sacco di sciocchezze“, conclude la fonte del Cts.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»