Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, stabili i cinesi ricoverati allo Spallanzani. Allo studio il rientro in Italia di chi è sulla ‘Diamond princess'”

Tra i contagiati a bordo della nave da crociera è risultato esserci un italiano che è però diretto in Usa dove risiede perchè è sposato con una donna americana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I due cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, casi confermati di infezione da nuovo coronavirus, continuano a essere ricoverati nella terapia intensiva del nostro Istituto. Sono stabili e in continuo miglioramento le condizioni generali di entrambi”. È quanto si legge nel bollettino odierno dell’istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani (Inmi). Il giovane italiano proveniente dalla città di Wuhan, fa sapere ancora il nosocomio capitolino, “continua ad essere in buone condizioni di salute. I tamponi naso-faringei effettuati nella giornata del 15 e del 16 febbraio, sono risultati negativi per la ricerca del nuovo coronavirus e di altri eventuali agenti patogeni. Il ragazzo continua ad essere sereno e di ottimo umore”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, un volo riporterà a casa i 35 italiani in quarantena sulla Diamond Princess

Inoltre, “le condizioni di salute del cittadino proveniente dalla Cecchignola, caso confermato di infezione da nuovo coronavirus, sono ottime. Continua ad essere ricoverato in osservazione”. Nell’accettazione dello Spallanzani “sono stati valutati, ad oggi, 68 pazienti sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. Di questi, 59, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Nove pazienti sono tutt’ora ricoverati: tre sono casi confermati (la coppia cinese ed il giovane proveniente dal sito della Cecchignola); un paziente sottoposto a test per la ricerca del nuovo coronavirus in attesa di risultato. Cinque pazienti rimangono comunque ricoverati per altri motivi clinici. In caso di evoluzioni del quadro clinico, verranno dati immediati aggiornamenti”.

LEGGI ANCHE: Niccolò tornato in Italia: test del Coronavirus negativo. Resta in isolamento allo Spallanzani

IN TASK-FORCE VERIFICATE PROCEDURE SU RIENTRO ITALIANI DA ‘DIAMOND PRINCESS’

Si è svolta questa mattina, alla presenza del ministro della Salute Roberto Speranza, la task-force sul Covid-19. È stata analizzata la situazione epidemiologica, sui dati Oms, in Cina e fuori, e verificate le misure assunte finora su porti e aeroporti. È stato, inoltre, affrontato il tema del trattamento sanitario degli italiani che torneranno dalla nave Diamond Princess.

FARNESINA: FORSE ITALIANO TRA CONTAGIATI IN DIAMOND PRINCESS

Potrebbe esserci un italiano, anche se residente in America, tra le persone risultate positive al coronavirus a bordo della nave ‘Diamond princess’, la nave da crociera ferma in quarantena in Giappone. A renderlo noto è la Farnesina, spiegando però che questa persona sarebbe già in corso di rientro in America.

A parlarne ad ‘Agorà’, su Rai Tre, è Stefano Verrecchia, capo dell’Unità di crisi della Farnesina: “Sembrerebbe che ci sia un nostro connazionale che è però partito con il volo americano perché è residente in America, sposato con una donna americana, quindi in quota americana sostanzialmente, che potrebbe essere tra i contagiati. Aspettiamo ancora delle conferme. Però sarebbe il primo caso di un italiano comunque già in volo per l’America. Nei connazionali di cui ci dobbiamo occupare noi non risulta al momento alcun contagiato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»