hamburger menu

Meloni: “Una donna che ha fatto due figli ha già dato un grande contributo al Paese”

La premier Giorgia Meloni ha annunciato misure di sostegno per famiglie e anche direttamente per le mamme lavoratrici, a cui verrebbero azzerati i contributi

Pubblicato:16-10-2023 17:39
Ultimo aggiornamento:18-10-2023 09:49
Canale: Costume e Società
Autore:
meloni mamme famiglie
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Una donna che mette al mondo almeno due figli ha già offerto al Paese un grande contributo“. Lo ha detto oggi la premier Giorgia Meloni, in conferenza stampa, nell’annunciare le misure previste dalla Manovra. Molte delle quali vanno incontro alle famiglie (soprattutto quelle numerose) e nello specifico anche alle madri lavoratrici. Del resto, che la famiglia (e le coppie che mettono al mondo bambini) fosse destinataria di particolari attenzioni da parte del goveno Meloni era già cosa nota. Addirittura qualche mese fa, parlando dalla Polonia, aveva detto che avrebbero lavorato per difendere “Dio e la famiglia”.

LEGGI ANCHE: Cuneo fiscale, pensioni, ma soprattutto mamme e famiglie: cosa c’è nella Manovra
LEGGI ANCHE: Arriva la Manovra 2024, Meloni: “Confermato il taglio del cuneo fiscale, più cento euro in busta paga”

Ora, dopo precedenti misure che hanno strizzato l’occhio alle famiglie (come gli incentivi alla natalità e il bonus asilo), ne arrivano altre inserite in manovra per un totale di un miliardo di euro. In parte veramente di peso. Come quella che azzera il pagamento della retta dell’asilo nido a partire dal secondo figlio. E quella, novità assoluta, che va ad azzerare i contributi delle mamme che lavorano. “La misura più significativa- ha detto oggi Giorgia Meloni- riguarda la decontribuzione per le madri con due figli o più. Queste non pagheranno i contributi a carico del lavoratore, li pagherà lo stato”.

PER CHI HA 2 FIGLI

Per le donne lavoratrici che hanno due figli, la manovra prevede lo sgravio pari all’intera quota dei contributi a carico delle lavoratrici per un anno. Condizione per ottenere l’agevolazione è il fatto che il figlio più piccolo abbia meno di 10 anni.

PER CHI HA 3 FIGLI

Per le donne lavoratrici che hanno tre figli, la manovra prevede lo sgravio pari all’intera quota dei contributi a carico delle lavoratrici in modo permanente fino ai 18 anni del più piccolo.

IL CONGEDO

Il governo prevede inoltre di aumentare di un mese il congedo retribuito al 60% utilizzabile dal padre o dalla madre che andrà ad aggiungersi a un primo mese all’80%.

LEGGI ANCHE: Meloni dall’Ungheria lancia la battaglia per difendere “identità, Dio e famiglia”. Cappato: “Evoca tempi bui”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-10-18T09:49:17+01:00

Ti potrebbe interessare: