Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 16 settembre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LAVORO, OBBLIGO DI GREEN PASS PER TUTTI

Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori, sia del settore pubblico che del privato. Il decreto del governo entrerà in vigore il 15 ottobre. La sospensione dello stipendio del dipendente senza green pass scatterà dopo cinque giorni senza certificazione. Sanzioni previste anche agli imprenditori che non controllano e obbligo per le farmacie di effettuare tamponi a prezzi calmierati: 15 euro per i maggiorenni e 8 euro per i minori. Il governo ha chiesto al Parlamento di estendere l’obbligo del pass vaccinale anche alle cariche elettive. La decisione sull’aumento della capienza degli spettatori negli stadi e nei luoghi dove si svolgono eventi, invece, verrà presa il primo ottobre, valutando la curva dei contagi.

COVID, IN OSPEDALE SOLO NO VAX

Prosegue il calo di contagi e ricoveri da covid. In ospedale finiscono quasi esclusivamente i non vaccinati. Preoccupano però gli ancora molti over 50 senza una dose. E’ quanto emerge dal monitoraggio della Fondazione Gimbe sulla situazione del Covid in Italia nella settimana 8-14 settembre. I numeri confermano l’efficacia del vaccino nel ridurre i decessi e ricoveri. In ospedale, mette in evidenza Gimbe, “ci sono quasi esclusivamente persone non vaccinate”. A livello nazionale il tasso di occupazione delle terapie intensive rimane basso, è il 6%, ma persistono notevoli differenze regionali. Marche, Sicilia e Sardegna sono oltre la soglia del 10%. Desta allarme, fa notare Gimbe, il dossier sugli over 50. L’88,9% della popolazione con più di 50 anni ha ricevuto almeno la prima dose di vaccino, ma ci sono ancora 3,9 milioni di persone che non hanno completato il ciclo.

CARO BOLLETTE, RINCARI DA SCONGIURARE ENTRO FINE SETTEMBRE

C’è tempo fino al 30 settembre per intervenire sul caro bollette. “Non è questione di parole, è questione di mercato. È sotto gli occhi di tutti che il gas aumenta in maniera costante, ed essendo la materia prima per produrre elettricità ne abbiamo un effetto importante sulla bolletta. Circa l’80% degli aumenti viene dal gas”, dice il ministro Roberto Cingolani, intervistato da Radio Anch’io. Per il governo ora la cosa importante è accelerare il processo di installazione delle rinnovabili in modo da sganciarsi più rapidamente possibile dal costo del gas. Parallelamente si ragionera’ su come viene costruita e calcolata la bolletta. Ogni Paese ha la sua ricetta. “Va un po’ riscritto il metodo di calcolo. Stiamo lavorando”, aggiunge Cingolani.

WHIRLPOOL, LAVORATORI IN PIAZZA

Lavoratori della Whirlpool in piazza a Roma per scongiurare la procedura di licenziamento collettivo che scade il 29 settembre. Stamane al ministero del Lavoro la multinazionale ha confermato il piano di esuberi. Un nuovo incontro sulla vertenza Whirlpool è stato fissato al Mise per giovedì prossimo, 23 settembre. In quella data sarà presentato nel dettaglio il consorzio sulla mobilità sostenibile, per la riconversione del sito di Napoli. Il progetto era stato annunciato ad inizio agosto. L’azienda si dice pronta a supportare i lavoratori con incentivi all’uscita e il trasferimento volontario in un altro sito del gruppo. Governo e sindacati stanno tentando di ottenere una sorta di ‘congelamento’ della procedura in attesa del nuovo progetto. La viceministra Alessandra Todde ricorda l’impegno dell’esecutivo. “Ci sono sempre stata e non mi sono mai tirata indietro. Noi abbiamo lavorato su un consorzio della mobilità sostenibile per riassorbire la forza lavoro”, dice Todde.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»