Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Digitale, il 5 ottobre Anorc organizza il primo Forum nazionale dei responsabili della conservazione

computer
La conservazione dei documenti e degli archivi nazionali e la fornitura del servizio alle amministrazioni pubbliche sono al centro dell'evento organizzato da Anorc
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La conservazione dei documenti e degli archivi nazionali e la fornitura del servizio alle amministrazioni pubbliche rischiano di subire una brusca inversione di rotta, a causa delle continue modifiche delle norme che ne regolano il funzionamento, annullando gli sforzi fin qui compiuti dagli operatori del settore, sia pubblici, che privati. Anorc punta nuovamente i riflettori sullo stato della conservazione dei documenti informatici, sugli standard comuni e sulle prospettive europee, organizzando il primo Forum nazionale dei responsabili della conservazione in programma il 5 ottobre 2021 in diretta streaming su piattaforma DIG.eat.


L’appuntamento s’inserisce nella serie di Forum organizzati da Digital&Law in collaborazione con Anorc, puntando a divenire il luogo preposto per un confronto aperto, schietto e leale tra conservatori e istituzioni così da riprendere la giusta rotta, oggi persa, come spiega l’avvocato Luigi Foglia, segretario generale Anorc, consulente senior presso lo Studio Legale Lisi ed esperto in diritto dell’informatica e archivi digitali presso lo Studio Legale Lisi: “Con l’adozione da parte di AgID delle nuove Linee guida e del Regolamento sui criteri di fornitura dei servizi di conservazione alle PA, sono state abrogate tutte le precedenti norme che regolavano l’accreditamento dei conservatori. Occorre, quindi, gestire la transazione verso un nuovo modello di qualificazione dei conservatori mantenendo invariato il livello di qualità e sicurezza indispensabile alla corretta tutela del patrimonio informativo della nostra amministrazione pubblica e preservando gli sforzi fatti da tutti gli operatori del settore, pubblici e privati, fino ad oggi. Ed il primo nodo da sciogliere è proprio quello relativo alle regole da applicare in questo delicato periodo di transizione che si concluderà con l’effettiva entrata in vigore del Regolamento AgID prevista per il prossimo 1° gennaio 2022″.

L’evento sarà suddiviso in due sessioni, che vedranno l’alternarsi di un panel composto da esperti, responsabili della conservazione di pubbliche amministrazioni, aziende e professionisti della digitalizzazione, iscritti ad Anorc Professioni. Dalle 10 alle 12.30, l’avvocato Andrea Lisi, presidente di Anorc Professioni e titolare dello Studio Legale Lisi, modererà un confronto sul presente e sul futuro della conservazione a norma dei documenti informatici in Italia e in Europa. Nel corso della sessione pomeridiana, in programma dalle 15 alle 18, l’avvocato Luigi Foglia, coordinerà un tavolo di confronto tra i referenti di alcuni Cab (Conformity Assessment Bodies), e i professionisti della digitalizzazione iscritti ad Anorc Professioni e i responsabili della conservazione di pubbliche amministrazioni e aziende.


L’evento gratuito sarà trasmesso in diretta streaming sulla piattaforma www.digeat.it. Per chi si fosse già registrato in precedenza, basterà collegarsi alla piattaforma negli orari indicati. Il programma è disponibile a questo link. Per maggiori informazioni, consultare la pagina ufficiale dell’evento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»