Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Brusaferro (Iss): “Lo scudo conto la variante delta è la doppia dosa di vaccino”

silvio brusaferro
"Non è chiarissima l'incidenza della variante Delta sulle ospedalizzazioni, ma 2 milioni e mezzo di over 60 non hanno iniziato la vaccinazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sappiamo che la variante Delta è destinata a crescere questo porta a due raccomandazioni: individuare precocemente le persone, tracciarne i contatti e prevederne poi le quarantene. L’altra grande raccomandazione ripeto è raggiungere la copertura vaccinale a partire dai più fragili e con la doppia dose. Troppi gli italiani sopra i 60 anni che non hanno ricevuto neanche la prima dose. Questa è la priorità da affrontare in queste settimane. E’ bene adottare prudenza e regole di base che ormai sappiamo essere efficaci per evitare la circolazione del virus“. Lo ha detto Silvio Brusaferro, Presidente ISS aprendo la conferenza stampa sull’analisi dei dati di monitoraggio regionale della Cabina di Regia.

LEGGI ANCHE: Covid, 2.898 nuovi casi e 11 morti. Tornano a salire le terapie intensive

“La situazione europea mostra il dato della Spagna, così quello dell’Olanda, che evidenziano una curva epidemiologica in crescita come nel resto dei Paesi europei. Anche in Italia la curva comincia a crescere. I comuni con almeno un caso salgono a 2.667. Nell’ultima settimana il trend è una crescita dei casi in tutte le Regioni. Le fasce della popolazione più giovane d’età dai 10 ai 19 anni e dai 20 ai 29 anni, sono quelle che contraggono il virus. L’Rt passa 0,92 e anche l’Rt ospedaliero è in crescita ma è una proiezione coerente. Sta calando l’età mediana del ricovero che si attesta attorno ai 50 anni. Al 2% si attesta l’occupazione delle terapie intensive e sempre del 2% è l’occupazione dei posti letto in area medica”, ha aggiunto.

LEGGI ANCHE: L’indice Rt sale 0,91 e aumenta l’incidenza. Iss: “Il quadro torna a peggiorare”

“I dati elaborati dall’ISS, dal Ministero della salute e dalla Fondazione Bruno Kessler tengono conto dell’alta trasmissibilità della variante Delta stimata tra il 33% e il 110% superiore. Nello scenario peggiore si ipotizza una trasmissibilità nel limite superiore pari ad 1.3 con una occupazione dei posti letto Ti e posti letto medico inferiori alle soglie critiche ma con possibilità di superare la soglia 5%-10%. Mentre scenario migliore che ci sia una crescita lenta”, prosegue.

LEGGI ANCHE: Il virus colpisce duro, nuove regole per non chiudere tutto di nuovo

Non è chiarissima l’incidenza della variante Delta sulle ospedalizzazioni– ha concluso il presidente dell’Iss- i dati che ci provengono da altri paesi sono instabili. La survey della prossima settimana ci aiuterà a quantificare la crescita di questa variante nelle prossime settimana. E anche l’incidenza che i nostri comportamenti possono avere sul contenimento. Per quanto riguarda le vaccinazioni stiamo completando il ciclo vaccinale. Per la variante delta lo scudo è rappresentato dalla vaccinazione con doppia dose. Il 90% degli over 80enni ha completato ciclo vaccinale ma quando decresciamo con la fasce d’età la quota si riduce molto. Sono 2mlioni mezzo le persone che hanno più 60anni che non hanno iniziato vaccinazione. Si tratta di un bacino d’utenza critico in una fase come questa dove la circolazione del virus sta riprendendo la sua circolazione. Questa criticità che va risolta per evitare riacutizzarsi della circolazione del virus. Miglior sicurezza si ottiene con doppia dose del vaccino in tutte le fasce d’età”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»