Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il questore di Bologna ‘bacchetta’ la politica: “Il tema della sicurezza brandito a sproposito”

questore di Bologna Gianfranco Bernabei
Gianfranco Bernabei spiega che i dati statistici confermano un calo dei reati, soprattutto rispetto ad un passato "pesante, con tragedie di rilevanza nazionale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Per ragioni elettorali il tema sicurezza “viene brandito spesso a sproposito”. Il questore di Bologna, Gianfranco Bernabei, bacchetta la politica intervenendo oggi al congresso provinciale del sindacato di Fsp Polizia di Stato (l’ex Ugl).

Bernabei si sofferma sul fatto che i dati statistici man mano confermano un calo progressivo dei reati, aspetto che però si scontra con il fenomeno della “percezione” di insicurezza alimentato sia dalla paura del “diverso” che dal “battage mediatico”. Proseguendo nel ragionamento, afferma poi il questore: “Ahimè, il tema sicurezza viene utilizzato a seconda delle circostanze come argomento di campagna elettorale. Siamo alla vigilia di un’importante campagna elettorale anche a Bologna e il tema sicurezza viene brandito spesso a sproposito e questo è un ulteriore elemento che contribuisce ad enfatizzare problemi che invece, dal punto di vista oggettivo, andrebbero ricondotti alla loro reale misura“.

La Bologna degli anni ’80 e ’70 “non era sicuramente migliore di quella di oggi“, continua Bernabei, sottolineando che la città ha “una storia molto pesante alle spalle ed ha vissuto anche tragedie di rilevanza nazionale”: il questore ricorda la strage alla stazione, quella di Ustica e la vicenda della Uno bianca, “che ci ha riguardato dolorosamente anche come amministrazione”, nonché “le manifestazioni di piazza violentissime che Bologna ha conosciuto negli anni ’70, anche con perdita di vite umane”. A fronte di ciò, “penso che questo atteggiamento nostalgico rispetto al passato sia fuori luogo“, rimarca il questore. “Penso che probabilmente, come spesso viene da qualcuno ricordato, la felicità non esiste nel presente e nel futuro ma solo nel passato perché il ricordo filtra le esperienze negative e rende più romantiche quelle positive”, insiste Bernabei. Perché in realtà “il fenomeno che oggi ci troviamo ad affrontare penso sia di minor gravità” rispetto al passato.

“È la microcriminalità, frutto dell’emergenza sociale- aggiunge Bernabei- che affligge pesantemente i nostri concittadini ed è il vero problema della città, rispetto al quale le nostre armi sono spuntate. I reati cosiddetti bagatellari sono quelli che in realtà più da vicino affliggono i cittadini e che più contribuiscono ad aumentare la percezione di insicurezza”. Eppure, “sarebbero i reati più facili da affrontare se le previsioni di legge ce lo consentissero“, conclude Bernabei facendo in particolare l’esempio dei reati connessi alla droga.

“PIAZZA VERDI AVRÀ UN’ESTATE SICURA, NON HO DUBBI”

Nel Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è svolto ieri per affrontare il tema piazza Verdi “è stata confermata la disponibilità delle forze di Polizia a garantire la massima sicurezza durante le iniziative culturali che il Comune intenderà intraprendere, aspettiamo a breve il calendario nei dettagli e ci organizzeremo di conseguenza” afferma il questore, parlando con la ‘Dire’ a margine del congresso provinciale della Fsp Polizia di Stato.

Bernabei è fiducioso sul fatto che si riusciranno ad organizzare in piena sicurezza gli eventi in piazza Verdi: “Non ho alcun dubbio su questo, perché poi prevale sempre il senso di responsabilità anche da parte dei ragazzi. “Il momento di massima effervescenza credo sia stato superato ed è stata anche una reazione un po’ fisiologica alla compressione che per un anno e mezzo abbiamo tutti subito e quindi mi auguro che le prossime settimane si possano svolgere in maniera più vivibile, sia per i ragazzi che per i residenti”. Al di là di piazza Verdi, anche lo sguardo più generale del questore su Bologna appena passata in zona bianca è ottimista: “La sensazione è che l’onda di piena sia passata e che si vada verso una progressiva normalizzazione”, afferma Bernabei.

“STIAMO INSTALLANDO TELECAMERE SULLE VOLANTI”

“Proprio in questi giorni stiamo installando le telecamere a bordo delle nostre volanti, che consentiranno di registrare in maniera permanente l’attività di controllo del territorio e soprattutto gli interventi che andremo ad operare” segnala il questore di Bologna.

Inoltre, “renderemo anche il nostro personale in grado di auto-interrogare le banche dati– continua Bernabei- alleggerendo il carico di lavoro delle sale operative”. Parlando di questi temi, sottolinea dunque il questore: “È vero che la Polizia ha registrato una flessione degli organici ma è vero anche che gli apparati tecnologici oggi a nostra disposizione ci agevolano molto e migliorano le procedure di lavoro“.

LEGGI ANCHE: Comunali Bologna, l’abbraccio di Cremonini a Conti: “Orgoglioso di te”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»