Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Riforma Pac, Dorfmann (Ppe): “Sia sostenibile e adattata ai tempi di oggi”

"La Pac negli ultimi anni ha portato a situazioni assurde. C’è chi non fa più agricoltura ma ha in mano diritti di pagamento"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Stiamo lavorando per trovare un accordo sulla Pac. Purtroppo la settimana scorsa non è stato possibile ma sono fiducioso che entro la fine del mese si avrà un accordo tra Parlamento e stati membri. L’obiettivo principale è adattare questa politica ai tempi di oggi, introducendo la sostenibilità ecologica, economica e sociale. Se troviamo questo equilibrio, sarà a favore degli agricoltori ma anche dei consumatori che devono poi comprare i prodotti agricoli o alimentari”. Herbert Dorfmann, eurodeputato del Ppe, commenta all’agenzia di stampa Dire gli sviluppi del dibattito europeo sulla riforma della Politica Agricola Comune.

L’Italia ha un’agricoltura di alto valore. È importante sostenere una politica che premia chi fa veramente agricoltura. Bisogna sostenere i giovani e i più innovativi perché l’agricoltura italiana ha bisogno di un giusto equilibrio tra tradizione e innovazione- ha aggiunto Dorfmann- La Pac negli ultimi anni ha portato a situazioni assurde. C’è chi non fa più agricoltura ma ha in mano diritti di pagamento. Queste cose vanno abolite perché danneggiano chi fa davvero agricoltura”, ha chiosato Dorfmann.  

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»