Tortellini-gioielli, arriva quello rossoblù in onore del Bologna Fc

Il nuovo gioiello verrà presentato domani sera al ristorante enoteca 'Il campione'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Dopo aver fatto diventare i tortellini dei gioielli, ora arriva il tortellino-gioiello rossoblù, come i colori del cuore di ogni tifoso bolognese. Arriva infatti il “TortellinoArt” del Bologna, che verrà presentato in anteprima domani sera al ristorante enoteca “Al Campione” (piazza Sette Novembre 1944, 2/A), storico punto di riferimento per tifosi, giocatori e vertici del Bologna FC, oltre che ristorante molto noto in particolare per i tortellini, quelli veri, fatti a mano sotto gli occhi di tutti nella cucina a vista del locale.

Al catalogo di tortellini-gioielli della Tortellino Art (firmati dalla designer Nicoletta Modelli) si aggiunge così un tortellino-gioiello con i colori del Bologna. I tortellini d’argento (e non solo) sono stati presentati che alla passata edizione della Bologna Design Week. Ma quello dedicato alla squadra rossoblù ancora mancava.

Si può indossare come ciondolo (quasi ad altezza cuore, neanche a dirlo) come omaggio alla fede calcistica, ma anche come esclusivo e originale accessorio made in Italy, meglio: made in Bologna.

Alla presentazione di domani sera è possibile fermarsi e proseguire la serata cenando nel ristorante: per prenotare telefonare allo 051.554801.          


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»