Coronavirus, i decessi nel resto del mondo superano quelli in Cina. New York chiude anche i bar

I decessi fuori dalla Cina sono arrivati a quota 3.241, superando i 3.213 della Cina. Il sindaco di New York parla di "minaccia senza precedenti"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Cinema, bar e ristoranti chiusi da oggi a New York, “quarantena rafforzata” a Manila, numero di decessi che nel resto del mondo hanno ormai superato quelli in Cina: questi alcuni degli ultimi sviluppi dovuti alla pandemia di coronavirus.

A fare il punto sul numero delle vittime sono stati gli esperti della Johns Hopkins University. Secondo le loro stime, i decessi fuori dalla Cina sono arrivati a quota 3.241. Pechino ha fatto sapere oggi di altri 14 morti, che portano il totale a 3.213.

SINDACO NEW YORK: “MINACCIA SENZA PRECEDENTI”

Le disposizioni per i locali pubblici della metropoli americana sono state annunciate ieri pomeriggio dal sindaco Bill De Blasio, che ha parlato di “minaccia senza precedenti” e della necessità di “rispondere pensando come in guerra”.

MANILA NELLE FILIPPINE IN QUARANTENA

Nelle Filippine la “quarantena rafforzata”, con obbligo di stare in casa e stretta sui trasporti, riguarda l’intera Luzon, l’isola dove sorge la capitale. Secondo l’ufficio statistico nazionale dell’arcipelago, con circa 42mila abitanti per chilometro quadrato Manila è l’area metropolitana più densamente popolata al mondo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»