Pestavano mogli e figli, a Reggio Emilia in carcere due fratelli e un cugino

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print REGGIO EMILIA - Sono parenti - due fratelli e un
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO EMILIA – Sono parenti – due fratelli e un cugino – e vivevano nella stessa casa. Ma in comune i tre uomini arrestati dai Carabinieri di Guastalla, nel reggiano, avevano anche l’abitudine di picchiare violentemente, anche con pugni e bastoni, le rispettive mogli e i figli minorenni. A scoprire le malefatte sono stati appunto i Carabinieri, nonostante il contesto di assoluta omertà che circondava le famiglie e causato dalla paura delle vittime a denunciare i soprusi.

Ora i tre uomini sono in carcere con le accuse di concorso in maltrattamenti continuati e aggravati ai danni delle rispettive mogli e dei loro figli minori (una decina). I tre sono finiti in cella in base all’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip su richiesta della Procura di Reggio Emilia: si tratta di tre uomini di nazionalità pakistana (un 36enne, il fratello 47enne e un loro cugino 49enne).

LEGGI ANCHE:

Bimba di due anni picchiata dal compagno della madre, è grave. La donna: “Lo aveva già fatto”

Bimba picchiata a Genzano, criminologa: “Raptus non esiste, ci sono sempre segnali”

Secondo le indagini i tre, in concorso tra loro, istigandosi reciprocamente, maltrattavano le mogli conviventi in presenza dei figli e anche i bambini erano vittime di continue vessazioni fisiche e psichiche. In particolare i padri si lasciavano andare ad eccessi d’ira, lesinavano i medicinali, urlavano per un nonnulla, colpivano i figli con schiaffi e le mogli con pugni alla testa usando anche delle sedie, scarpe, bastoni.

Per il 36enne c’è anche un’ulteriore accusa di violenza sessuale continuata ed aggravata per aver costretto la moglie a subire, in più occasioni, rapporti sessuali dopo averla ridotta in uno stato di incapacità a reagire mediante continue percosse e minacce.

L’indagine ha preso il via da una segnalazione del servizio sociale giunta ai Carabinieri.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»