Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pestavano mogli e figli, a Reggio Emilia in carcere due fratelli e un cugino

carabinieri
Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print REGGIO EMILIA - Sono parenti - due fratelli e un
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO EMILIA – Sono parenti – due fratelli e un cugino – e vivevano nella stessa casa. Ma in comune i tre uomini arrestati dai Carabinieri di Guastalla, nel reggiano, avevano anche l’abitudine di picchiare violentemente, anche con pugni e bastoni, le rispettive mogli e i figli minorenni. A scoprire le malefatte sono stati appunto i Carabinieri, nonostante il contesto di assoluta omertà che circondava le famiglie e causato dalla paura delle vittime a denunciare i soprusi.

Ora i tre uomini sono in carcere con le accuse di concorso in maltrattamenti continuati e aggravati ai danni delle rispettive mogli e dei loro figli minori (una decina). I tre sono finiti in cella in base all’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip su richiesta della Procura di Reggio Emilia: si tratta di tre uomini di nazionalità pakistana (un 36enne, il fratello 47enne e un loro cugino 49enne).

LEGGI ANCHE:

Bimba di due anni picchiata dal compagno della madre, è grave. La donna: “Lo aveva già fatto”

Bimba picchiata a Genzano, criminologa: “Raptus non esiste, ci sono sempre segnali”

Secondo le indagini i tre, in concorso tra loro, istigandosi reciprocamente, maltrattavano le mogli conviventi in presenza dei figli e anche i bambini erano vittime di continue vessazioni fisiche e psichiche. In particolare i padri si lasciavano andare ad eccessi d’ira, lesinavano i medicinali, urlavano per un nonnulla, colpivano i figli con schiaffi e le mogli con pugni alla testa usando anche delle sedie, scarpe, bastoni.

Per il 36enne c’è anche un’ulteriore accusa di violenza sessuale continuata ed aggravata per aver costretto la moglie a subire, in più occasioni, rapporti sessuali dopo averla ridotta in uno stato di incapacità a reagire mediante continue percosse e minacce.

L’indagine ha preso il via da una segnalazione del servizio sociale giunta ai Carabinieri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»