Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I giovani scrivono a Draghi: “Togliere il gas fossile dalla tassonomia europea dei combustibili sostenibili”

fridays_for_future_bologna
Gli attivisti di Fridays for Future chiedono al premier di impegnarsi per lasciare fuori dalla tassonomia europea dei combustibili sostenibili il gas fossile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Italia sta decidendo di considerare il gas fossile una fonte di energia ‘sostenibile’, mentre quando si libera in atmosfera è un gas serra fino a 80 volte più climalterante della CO2“. Inizia così la lettera che i giovani del movimento Fridays for Future hanno indirizzato al presidente del Consiglio Mario Draghi per chiedere che il gas non sia inserito tra i combustibili sostenibili della tassonomia europea.


“Lei ha detto più volte che i giovani sono una priorità del suo operato, per garantirci non solo un presente vivibile, ma anche e soprattutto un futuro. Ma non possono coesistere un futuro sicuro e definire ‘green’ un combustibile fossile, aiutando chi la crisi climatica l’ha causata, l’ha negata per decenni, e continua a rallentare le azioni necessarie per risolverla – scrivono i firmatari della lettera – È impossibile avere un futuro sostenibile e sicuro se non manteniamo il riscaldamento globale entro 1,5°C. Al G20 a Roma lo avete ribadito. Alla COP26 anche. Ma le promesse non ci servono a niente, quello che ci serve sono le azioni. Va impedita ogni nuova esplorazione e infrastruttura di combustibili fossili, e nei prossimi cinque anni secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia il 95% dell’energia installata serve che sia da fonte rinnovabile”.


“Politico.eu la definisce la persona più influente in Europa – concludono i ragazzi e le ragazze di Fridays for Future – Può mostrare che le sue non sono solo parole, e vuole davvero guidare e agire per il clima. Faccia togliere il gas dai combustibili sostenibili della tassonomia europea”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»