Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Angi: “Soddisfazione per governo su innovazione, ora garantire subito risorse”

Diverse le misure prese su innovazione e start up. Ferrieri:"Siamo soddisfatti che la nostra azione di sensibilizzazione e presentazione di proposte sia stato un valido contributo per i provvedimenti presi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Soddisfazione da parte dell’Angi, Associazione nazionale giovani innovatori. per l’accoglimento nel DL Rilancio di numerosi spunti proposti dall’Associazione a sostegno dell’ecosistema innovazione, in particolare gli incentivi per la mobilità, nuovi meccanismi fiscali per la ricerca e sviluppo, fondi per le startup, incentivi per le imprese mirati alla propensione di nuovi investimenti, per le industrie del gaming e dell’intrattenimento audiovisivo, e infine un rafforzamento dei meccanismi di tutela per i dipendenti ora in lavoro agile.

Queste le dichiarazioni del Presidente dell’Angi, Gabriele Ferrieri: “Siamo soddisfatti che la nostra azione di sensibilizzazione e presentazione di proposte legislative indirizzate verso il Governo, il Parlamento e le Istituzioni sul tema giovani, innovazioni e startup siano state un valido contributo per i provvedimenti presi nel DL Rilancio. Un punto di partenza importante con misure di sostegno verso l’ecosistema innovazione, tuttavia non ancora sufficienti vista la situazione di straordinarietà. Pertanto, saremo sempre più in prima linea con tutti gli interlocutori istituzionali e di governo al fine di proseguire il lavoro finora svolto per lanciare nuove proposte con l’obiettivo di destinare maggiori risorse e investimenti verso l’innovazione, la ricerca e i giovani che rappresentano il futuro del nostro Paese”.

“L’emergenza Covid-19 ha trasformato le nostre vite, rendendo le connessioni e le reti cruciali – afferma il componente del comitato scientifico di Angi, Carlo Prosperi – nel cambio di paradigma sociale, le forme di sostegno e di incentivo al mercato del digitale sono necessarie per assicurare la continuazione non solo di servizi essenziali, ma soprattutto della quotidianità delle nostre esistenze”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»