Mancini nuovo testimonial della Regione Marche: “Orgoglioso di rappresentare la mia terra natia”

roberto mancini francesco acquaroli3
Il commissario tecnico della Nazionale di calcio darà il volto alla campagna di promozione turistica del territorio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – ‘Pronti per una nuova stagione‘ è il claim che caratterizzerà la campagna di promozione turistica delle Marche e a diffonderlo in tutta Italia e, possibilmente, nel mondo sarà il commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio, Roberto Mancini. Il 56enne di Jesi oggi, insieme al governatore, Francesco Acquaroli, ha presentato a palazzo Raffaello la campagna mettendo subito in evidenza le similitudini tra la sua esperienza con la Nazionale e quella con la sua terra natia. “La Nazionale è ripartita praticamente da zero- dice Mancini- perché dopo l’eliminazione dal Mondiale di Russia eravamo tutti un po’ abbacchiati e non sapevamo da dove ripartire ma in due anni siamo riusciti a riportarla ai vertici. Anche le Marche, così come tutto il resto d’Italia, stanno attraversando un periodo difficile ma io credo che abbiamo grandi qualità e tutti insieme possiamo uscire da questa situazione. Sono talmente belle che ci sono milioni di persone che sicuramente verranno a visitarle”.

Tra ieri e oggi Mancini ha effettuato le riprese in vari luoghi della regione: da Abbadia di Fiastra a Gradara, fino a Jesi, alle Grotte di Frasassi, Ascoli Piceno e Torre di Palme a Fermo. “Sono orgoglioso di essere il testimonial della mia regione– continua Mancini-. C’è tutto: il mare, la campagna, la montagna e l’enogastronomia. La difficoltà che hanno è quella di arrivarci: si dovrebbe migliorare questo, ma credo ci stiano lavorando. È importante riuscire a raggiungere le Marche in meno tempo. Il mio luogo preferito? Mi piace casa mia perché ci sono nato e torno sempre molto volentieri, ma Portonovo credo sia uno dei posti più belli al mondo: è di una bellezza disarmante. L’anno scorso ho invitato 20 amici una sera di maggio e sono rimasti sconvolti dalla bellezza del posto tanto che ci sono tornati”.

Tornando all’ambito prettamente sportivo Mancini ha detto che spera un giorno di portare la Nazionale nelle Marche. “Sarebbe una cosa bellissima, magari dopo aver vinto l’Europeo– scherza-. Ad Ancona magari, anche se dobbiamo lavorare sullo stadio credo. Ci vogliono stadi con certi parametri”.

In conclusione poi un pensiero alla Sambenedettese, storica società calcistica marchigiana che versa in una situazione di difficoltà. “Mi dispiace quando c’è un club glorioso come la Sambenedettese che ha dei problemi- conclude Mancini-. Potrei offrirmi come allenatore magari facendo un doppio lavoro con la Nazionale (ride, ndr). La Sambenedettese fu una delle prime società a costruire uno stadio bellissimo e spero possano risolvere presto i problemi che hanno“.

ACQUAROLI: “LE MARCHE PUNTANO SU BELLEZZA E CAPACITÀ”

“In un momento così difficile dobbiamo puntare sulla bellezza e sulla capacità della nostra terra. Dobbiamo valorizzare il nostro patrimonio culturale-turistico per far riscoprire a tanti una regione straordinaria e ricca che ha molto da offrire sul fronte dell’attrattività e dell’accoglienza”. A dirlo è il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, che ha presentato la campagna di promozione turistica 2021 con Roberto Mancini.

roberto mancini francesco acquaroli3

“Noi marchigiani siamo veramente molto felici che abbia accettato questa sfida di rilancio dell’immagine del nostro territorio- continua Acquaroli-. Sicuramente l’immagine vincente di Roberto Mancini, da giocatore, allenatore e oggi da commissario tecnico della Nazionale, può aiutare la nostra e la sua regione a diventare protagonista come lo è stato lui in campo e tuttora in panchina. Questa sfida coinvolge tanti aspetti, ma quello che mi ha colpito di più è la sua immediata disponibilità a collaborare con noi, perché la sua testimonianza può restituirci un’immagine all’estero e una consapevolezza in casa“.

Il presidente della Camera di commercio regionale, Gino Sabatini, ha rimarcato come per le Marche Mancini “sarà la punta di diamante per riconquistare nuovi mercati e quelli persi a causa della pandemia”. A realizzare gli spot sono stati Aldo Ricci (regista) e Gianluca Ignazi (direttore artistico) impegnati in questi due giorni nelle riprese col Ct della Nazionale in alcuni degli angoli più belli della regione. Le Marche hanno legato negli anni la propria immagine turistica allo sport.

Mancini, che era stato già testimonial della sua terra natia (è nato e cresciuto a Jesi) nel ’99/2000, succedette a Valentina Vezzali (1997) e Valentino Rossi (1998). Poi nel 2019 e 2020 lo scettro era passato a Vincenzo Nibali, campione del ciclismo mondiale, adottato dalle Marche per sostenere gli investimenti promossi dalla Regione sulle ciclabili. La maglia dello ‘Squalo’ è stata consegnata allo stesso Mancini a fine conferenza stampa. Una passaggio di testimone simbolico tra i due campioni sportivi nel promuovere le Marche.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»