Coronavirus, De Micheli: “Si studiano app e modifiche agli orari di lavoro”

"Non possiamo piu' immaginare che milioni di persone si muovano tra le 7.30 e le 9.30"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Scaglionare gli orari di lavoro e pensare ad app che evitino gli assembramenti sui mezzi pubblici. Queste alcune misure allo studio del governo, secondo quanto dichiara Paola De Micheli, ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel corso del ciclo di webinar organizzato per gli studenti dalla Scuola di Politiche, in diretta Facebook. Si studia, illustra ai ragazzi De Micheli, “una modifica delle frequenze negli orari di punta, e degli orari di lavoro: non possiamo piu’ immaginare che milioni di persone si muovano tra le 7.30 e le 9.30, non ce lo possiamo permettere finche’ non troviamo il vaccino. Dobbiamo immaginare un modello organizzativo e di lavoro della societa’ completamente diverso- continua- Le app sono allo studio del ministero della Salute e dell’Innovazione per trovare un equilibrio tra la questione della privacy e la tutela della societa’”. Inoltre, conclude la ministra, “sono allo studio anche app per evitare assembramenti dentro ai mezzi di trasporto. Stiamo provando a immaginare di fare una sperimentazione estiva in alcune aree del Paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»