Cardarelli di Napoli ricorda Ornella, Valente: “Femminicidio mai fulmine a ciel sereno”

Elvira Reale_Valeria Valente
Alla manifestazione hanno partecipato medici, infermieri, psicologi e associazioni, insieme alla senatrice e presidente della commissione parlamentare sul femminicidio Valeria Valente e alla responsabile del centro Dafne del Cardarelli Elvira Reale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Purtroppo registriamo un ennesimo caso e questo caratterizzato da una grande ferocia”. Lo ha detto Giuseppe Longo, direttore generale dell’ospedale Cardarelli di Napoli, a margine di un incontro per ricordare la 39enne Ornella Pinto uccisa sabato, nel suo appartamento di San Carlo all’Arena, dall’ex compagno.

“Il Cardarelli, grazie anche al grosso contributo del centro Dafne e grazie agli operatori del pronto soccorso, è promotore – aggiunge – da sempre di un modello in cui, attraverso il percorso rosa, diamo protezione e accogliamo tutte le donne che si trovano in situazioni di difficoltà“.
Alla manifestazione davanti alla panchina rossa del nosocomio partenopeo hanno partecipato medici, infermieri, psicologi e associazioni. A rappresentare le istituzioni c’era la senatrice dem, presidente della commissione parlamentare sul femminicidio, Valeria Valente.
Per Elvira Reale, responsabile del centro Dafne del Cardarelli, sul tema “c’è molto da fare. Abbiamo saputo, ad esempio, che c’è un rallentamento nelle attività della procura, che sulle denunce delle donne ci sono più archiviazioni che in altri periodi: questo, in un momento caratterizzato dall’aumento di casi di violenza, ci meraviglia. Noi qui siamo in prima linea, lavoriamo in presenza, durante il lockdown lo abbiamo fatto da remoto aumentando la nostra presenza”.


Nel corso dell’incontro, in cui ogni partecipante ha posato sulla panchina un fiore per Ornella, è stato letto un passaggio del libro di Serena Dandini, Ferite a morte, nel quale si parla di un uomo che, entrando in casa con le proprie chiavi, uccide a coltellate l’ex compagna. “Anche nel femminicidio di sabato – spiega Reale – l’uomo aveva le chiavi di casa, certo avrebbe potuto ammazzare Ornella ugualmente, ma averle è stata una facilitazione. Alle donne raccomando misure di auto tutela: proteggetevi anche prima che siano le autorità a farlo”.

VALENTE: “FEMMINICIDIO MAI FULMINE A CIEL SERENO”

Non lavorare solo sull’emergenza “deve essere un imperativo categorico per tutti noi”. Così Valeria Valente, senatrice del Pd e presidente della commissione parlamentare sul femminicidio, a margine della manifestazione al Cardarelli di Napoli in memoria di Ornella Pinto.

“Quello della violenza maschile contro le donne – prosegue – rischia di essere un tema nel quale piangiamo sempre e soltanto dopo le donne ammazzate finché non faremo davvero un cambio di passo, cosa che richiede la capacità di leggere la violenza per quello che è: un rapporto ancora profondamente squilibrato tra uomini e donne”.
Per Valente serve la “capacità di tutti – del vicino di casa, dei parenti, delle forze dell’ordine – di non girarsi dall’altra parte. Bisogna credere alle donne sin dalle prime battute, essere in grado di valutare il rischio in tempo utile ricordando che la violenza che arriva all’uccisione non arriva mai come un fulmine a ciel sereno, ci sono tanti segnali prima che, se letti, ci consentono di intervenire in tempo – conclude Valente – per evitare il peggio”.

LEGGI ANCHE: Femminicidio a Napoli, Valente (Pd): “Imparare ad ascoltare le donne”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»