Coronavirus, Gallera: “In Lombardia ieri 252 morti”

Il tragico bilancio dell'assessore regionale: 252 morti in più, in totale dall'inizio dell'emergenza sono 1.218. Rientra in parte l'allarme sulla terapia intensiva
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il numero di morti in Lombardia per il Coronavirus raggiunge i 1.218. I nuovi decessi, in 24 ore, sono stati 252. I positivi sono 13.272, più 1.587. I ricoverati in ospedale sono 4.898, più 602 rispetto a ieri. I ricoveri in terapia intensiva aumentano di 25, e sono 757 in totale. Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera.

“POSTI IN TERAPIA INTENSIVA PASSATI DA 724 A 1200”

Parzialmente rientrata l’emergenza in Lombardia sulla terapia intensiva. L’assessore al welfare Giulio Gallera spiega in conferenza stampa che la Regione disponeva di 724 posti e ora ne ha 1200. “C’e’ stato un incremento di quasi l’80 per cento grazie alla grande capacita’ delle nostre strutture di dare delle risposte. Abbiamo usato le sale operatorie, abbiamo chiuso le unita’ coronariche in molti presidi e le abbiamo ricovertite in terapia intensive per il coronavirus e quindi anche i respiratori vengono utilizzati per la gestione dei pazienti con una polmonite interstiziale. Questo ci sta consentendo di dare una risposta di terapia intensiva”.

RECUPERATE 700MILA MASCHERINE

“Abbiamo recuperato attraverso i canali della Regione Lombardia 700mila mascherine”. Lo dice l’assessore al welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera.

DPC CI HA DATO 90 VENTILATORI, ALTRI 100 IN 7 GG

“Abbiamo avuto 90 ventilatori da parte della protezione civile nazionale. C’e’ un ulteriore impegno della protezione civile a darci 26 ventilatori in tre giorni e altri 100 da qui a sette giorni”. Lo dice in conferenza stampa l’assessore al welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»