Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dieci arresti nel blitz contro il clan di Torretta, ponte con Cosa nostra newyorkese

mafia
L'operazione 'Crystal Tower' ha smantellato l'organizzazione della famiglia mafiosa palermitana, considerata il collegamento tra la Sicilia e gli Stati Uniti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Blitz dei carabinieri del Comando provinciale di Palermo contro la famiglia mafiosa di Torretta. L’operazione, denominata ‘Crystal Tower‘, ha portato nove persone in carcere e una agli arresti domiciliari, mentre per un undicesimo indagato è stato emesso un obbligo di dimora nel comune di residenza.

Le misure cautelari sono state disposte dal gip del tribunale di Palermo, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Le accuse sono di associazione mafiosa, detenzione di stupefacenti, favoreggiamento personale e tentata estorsione con l’aggravante del metodo mafioso. L’indagine, condotta dal Nucleo investigativo dei carabinieri di Palermo e coordinata da un pool di magistrati diretti dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca, ha portato ad approfondire la struttura e le attività criminali di una storica famiglia di Cosa nostra palermitana, inserita nel mandamento di Passo di Rigano, e costituita dalla famiglia mafiosa di Torretta.

La famiglia mafiosa di Torretta, piccolo borgo con poco più di 4mila abitanti nell’hinterland palermitano, è considerata dagli investigatori da sempre collegamento tra Cosa nostra siciliana e e quella newyorkese: in passato distinta alcuni esponenti del clan assunsero il ruolo di garanti per il rientro in Italia dei cosiddetti ‘scappati’, gli sconfitti nella guerra di mafia dei primi anni Ottanta che subirono l’ostracismo dei corleonesi di Totò Riina. Il lavoro della Dda e dei carabinieri ha consentito anche di individuare i canali di comunicazione tra la famiglia di Torretta e i vertici del mandamento di Passo di Rigano. Gli investigatori hanno poi scoperto diversi tentativi di estorsione: uno di questi ai danni di un imprenditore agricolo palermitano che si era insediato a Torretta e che è stato subito avvicinato da alcuni esponenti del clan. L’imprenditore, che aveva subito piccoli furti e danneggiamenti, ha raccontato tutto ai carabinieri denunciando le pressioni subite.

Secondo i carabinieri il quadro che emerge dalle indagini è quello caratterizzato da “una costante, sebbene incruenta, conflittualità interna” del clan di Torretta. In quest’ambito sono saltati alla luce “soggetti appartenenti a fazioni storicamente slegate fra loro”.

Al vertice della famiglia, secondo gli investigatori, ci sarebbe stato Raffaele Di Maggio, figlio dello storico boss Giuseppe, detto ‘Piddu i Raffaele’, morto nel gennaio 2019, “coadiuvato” da Ignazio Antonino Mannino, anche lui con una funzione “direttiva e organizzativa”, e da Calogero Badalamenti, a cui sarebbe stata affidata l’area di Bellolampo. I carabinieri citano anche Lorenzo Di Maggio, detto ‘Lorenzino’, scarcerato nell’agosto del 2017 e sottoposto a sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno a Carini.
C’è poi il ruolo di Calogero Caruso, detto ‘Merendino’, “anziano affiliato – sottolineano i carabinieri – e già figura di vertice della famiglia mafiosa torrettese, sotto il quale si andava accreditando il nipote Filippo Gambino”. Tra i nomi evidenziati dagli investigatori anche quello di Calogero Christian Zito, monitorato in numerosi spostamenti tra la Sicilia e gli Usa.

Accanto a questi, le indagini si sono concentrate anche su due imprenditori edili torrettesi, i fratelli Puglisi, “pienamente inseriti nelle dinamiche” osservate dagli investigatori.

GUARINO: “INQUINAMENTO ANCHE DELLE ISTITUZIONI LOCALI”

L’operazione antimafia portata a termine dai carabinieri del Comando provinciale di Palermo, che ha colpito la famiglia mafiosa di Torretta, arriva al termine di una indagine “prolungata che ha dimostrato le relazioni tra i mafiosi italiani e quelli degli Stati uniti d’America”. Lo afferma il generale di Brigata Arturo Guarino, Comandante provinciale dell’Arma, secondo cui l‘indagine “ha dimostrato ancora una volta una penetrazione opprimente” da parte dei clan “nel tessuto economico e un inquinamento anche delle istituzioni locali”. Secondo Guarino “i carabinieri con le indagini cercano di liberare e dare dignità a una comunità che per troppo tempo è stata sotto la pressione di una cappa insopportabile da parte della mafia”.

CARABINIERI: “IL CLAN PUNTAVA AI FASTI DEL PASSATO”

Le indagini che hanno portato a dieci arresti e a un obbligo di dimora con l’operazione ‘Crystal Tower’ “restituiscono una rinnovata vitalità della famiglia mafiosa di Torretta che, forte dei suoi legami con gli affiliati americani e della ritrovata autorevolezza dei vertici del mandamento, puntava a ritornare ai fasti del passato, ergendosi nuovamente a testa di ponte fra le due anime di Cosa nostra, quella siciliana e quella d’oltremare, da sempre costituenti due facce di una stessa medaglia”. Questa la tesi sostenuta dai carabinieri del Comando provinciale di Palermo, che hanno eseguito le misure cautelari disposte dal gip su richiesta della Dda. Le accuse a vario titolo sono di associazione mafiosa, detenzione di stupefacenti, favoreggiamento personale e tentata estorsione con l’aggravante del metodo mafioso.

LE MANI DEI BOSS SU AGRICOLTURA, BESTIAME E APPALTI

Ingerenze nell’edilizia, nell’agricoltura e nell’allevamento del bestiame attraverso l’imposizione delle sensalerie nelle compravendite e l’intervento diretto nelle compravendite di animali e terreni. La famiglia mafiosa di Torretta, sgominata da un blitz portato a termine dai carabinieri del Comando provinciale di Palermo, si imponeva su tutte le attività economiche. Dalle indagini della Dda e dei carabinieri è emersa anche la “capillare ingerenza nelle dinamiche relative alle commesse di lavoro pubbliche e private a Torretta e nei comuni di Capaci, Isola delle Femmine e Carini, oltre che in alcuni quartieri di Palermo.

L’INFLUENZA DEI BOSS SULLE ELEZIONI COMUNALI DEL 2018

Oltre all’economia e agli appalti pubblici e privati, il clan mafioso di Torretta puntava anche a infiltrarsi nell’amministrazione comunale del piccolo centro dell’hinterland palermitano, sostengono i carabinieri del Comando provinciale.

Gli esponenti del clan avrebbero tentato anche di “indirizzare” le decisioni amministrative del Comune prima del suo commissariamento, avvenuto nell’agosto del 2019 e di “modificare” l’esito delle elezioni comunali del 2018 “fornendo – sostengono i militari – supporto ai candidati di schieramenti opposti”.

QUEL “PERSISTENTE E SALDO LEGAME” TRA LA FAMIGLIA DI TORRETTA E COSA NOSTRA NEGLI USA

Tra la mafia di Torretta, piccolo centro del Palermitano, e Cosa nostra statunitense c’era un “persistente e saldo legame”. Lo sottolineano i carabinieri del Comando provinciale, che hanno portato a termine un blitz con dieci arresti. La mafia d’oltreoceano, secondo gli investigatori, era capace di condizionare, attraverso propri emissari, gli assetti criminali torrettesi ma era anche “fonte di tensioni”, come in occasione dell’omicidio del mafioso newyorkese Frank Calì, detto ‘Franky Boy’, esponente della famiglia Gambino, ucciso nella sua residenza di Staten Island, a New York, il 13 marzo 2019.

Nei giorni successivi all’omicidio il figlio di uno degli indagati nell’inchiesta della Dda partì per gli Stati uniti e durante la sua permanenza a New York incontrò diversi appartenenti a Cosa nostra Usa. Rientrato dal viaggio, il giovane riferì il clima di profonda tensione creatosi sulla sponda americana, “esprimendo le proprie valutazioni sulla possibile successione a Calì. Negli stessi giorni a Torretta gli investigatori registravano i commenti “di prima mano” di alcuni degli indagati che conoscevano personalmente Calì e che in un primo momento avevano temuto che l’episodio potesse ingenerare una pericolosa escalation di violenze nella quale rischiavano di rimanere direttamente coinvolti anche altri soggetti a lui vicini e considerati attivi nel contesto mafioso americano.

IL CLAN DI TORRETTA OSPITÒ UN EMISSARIO DELLE FAMIGLIE USA

C’è anche il racconto di una missione a Palermo da parte di un emissario di Cosa nostra statunitense nelle carte dell’inchiesta ‘Crystal Tower’. Era il settembre del 2018 e l’uomo venne accolto dai vertici della famiglia mafiosa di Torretta in una villa con piscina a Mondello con tanto di ‘dono’ di benvenuto: alcuni grammi di cocaina.

Nel periodo trascorso in Sicilia, l’emissario partecipò a una riunione con Raffaele Di Maggio, figlio dello storico esponente mafioso torrettese Giuseppe Di Maggio, nella sua abitazione di Torretta, e a un secondo incontro riservato nella zona di Baucina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»