Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Puglia, ora alle Tremiti in elicottero si va anche da Peschici

Nuovo collegamento della compagnia Alidaunia che si aggiunge a quello già esistente da Vieste. Per l'assessore regionale ai Trasporti "aiuterà la ripresa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print









Previous
Next

BARI – Su richiesta di Alidaunia e del Comune di Peschici la Regione Puglia ha autorizzato l’inserimento nel collegamento elicotteristico Foggia-Tremiti di un nuovo scalo a Peschici che si aggiunge a quello di Vieste già attivo da tempo. Lo ha annunciato l’assessore regionale ai Trasporti Gianni Giannini.

“Il servizio – spiega in una nota l’assessore – manterrà le stesse frequenze e aumentano i collegamenti alternativi a quelli marittimi con le Isole Tremiti”.

La rete di elisuperfici pugliese è stata concepita proprio per raggiungere le aree di più difficile accesso e viabilità, tra cui le Isole Tremiti e il Gargano. “Il collegamento in elicottero si propone come alternativa ai collegamenti marittimi per velocità e anche per interesse turistico e culturale, per la possibilità di apprezzare dall’alto le bellezze paesaggistiche del territorio interessato. E naturalmente – conclude l’assessore – non potrà che avere positive ricadute in termini economici in un momento storico in cui si stanno ponendo le basi per la ripresa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»