VIDEO | Bianca Guaccero e Enrico Ruggeri pronti per la seconda edizione di “Una storia da cantare”

A partire da domani sera in diretta dall'Auditorium Rai di Napoli saranno per 4 puntate di nuovo al timone del programma che racconta la storia della musica italiana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Siamo tornati qua per Una storia da cantare, altre quattro puntate e non tre come sembrava, nelle quali continueremo la nostra missione che è quella di divertire la gente parlando di contenuti, raccontando cose importanti”. Presenta così alla Dire Enrico Ruggeri la seconda edizione del programma, a margine della conferenza stampa che si è svolta questa mattina nell’Auditorium Rai di Napoli.

A svelarlo prima di lui era stato il direttore di Rai 1 Stefano Coletta, in collegamento dalla sede di viale Mazzini a Roma. Presenti all’incontro con la stampa anche il vicedirettore Claudio Fasulo, due degli autori, Enrico Assante e Duccio Forzano che curera’ anche la regia. Inoltre i conduttori: Enrico Ruggeri e Bianca Guaccero, nuovamente al timone del programma che andrà in onda a partire da domani, sabato 15 febbraio, in diretta dagli studi Rai di Napoli.

“Una trasmissione che non è un format thailandese – scherza Ruggeri – non è subappaltata, ma è fatta dalle teste pensanti della Rai”.

“Abbiamo la fortuna – dichiara alla Dire Guaccero – di avere tanti grandi artisti di cui poter raccontare le gesta, non solo artistiche ma anche umane, e lo faremo con ulteriori grandi ospiti che vedremo emozionarsi nel dar dar voce ai grandi nomi che hanno segnato la storia della musica italiana“.

La scenografia sarà “una citazione diretta del programma Senza Rete che – sottolinea Forzano – fu trasmesso per otto edizioni, dal 1968 al 1975 proprio dall’Auditorium Rai di Napoli”. Sulla scia del successo del 70esimo festival della canzone italiana, la prima puntata sarà dedicata ai cantautori di Sanremo: da Vasco Rossi con la sua Vita spericolata, ad Adriano Celentano e i 24.000 baci e Chi non lavora non fa l’amore, passando per Domenico Modugno con pezzi come Nel blu dipinto di blu e Dio, come ti amo e Ivano Fossati, autore di brani straordinari come E non finisce mica il cielo, interpretata da Mia Martini, o Le notti di maggio, presentata da Fiorella Mannoia. E poi Sergio Endrigo, con le sue Canzone per te e Lontano dagli occhi, fino a Ciao amore ciao che segno’ l’unica, drammatica, partecipazione di Luigi Tenco al festival.

Proprio quest’ultimo brano del 1967 aprirà domani la seconda edizione del programma. “Un’apertura così – dichiara Ruggeri – è già una dichiarazione programmatica di quello che siamo, partiamo con il ricordo di Tenco ma lo facciamo attraverso una canzone sorridente, piena di speranza”. Sul palco ad interpretarla accanto a lui ci sarà Ermal Meta.

Ospiti della prima puntata anche Beppe Fiorello, Elio, Irene Grandi, Bugo, Leo Gassman, Serena Rossi, Paola Turci, Stefano Fresi, Fabrizio Moro, Patty Pravo, Renzo Arbore, Sergio Cammariere, Noemi, Giuliano Palma, Giusy Buscemi, Maldestro, i Decibel e Funk Off.

Il secondo appuntamento, quello di sabato 22 febbraio, sarà dedicato a Mina, che quest’anno compie 80 anni; il 29 febbraio sarà quindi la volta di altri tre cantautori: Pino Daniele, Enzo Jannacci e Rino Gaetano. L’ultima puntata, appena annunciata, andrà in onda sabato 7 marzo.

Una storia da cantare è un programma scritto, oltre che dai già citati Ernesto Assante e Duccio Forzano, anche da Gino Castaldo, Matteo Catalano, Alberto Di Risio, Angela Fortunato, Pietro Galeotti ed Enrico Ruggeri.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»