In Indonesia un concorso per maledire il virus: “Sfogate la rabbia”

L'iniziativa, partita dall'isola di Giava, punta a far sfogare la rabbia e le emozioni negative provocate dalla crisi sanitaria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un concorso per stabilire il migliore insulto, o la maledizione più efficace, ai danni del piccolo-grande responsabile della pandemia: il Covid-19. L’idea è di un’associazione di attivisti dell’isola di Giava, una delle più popolose dell’Indonesia, il Jawasastra Culture Movement. Obiettivo dell’iniziativa, rivolta a tutti i giavanesi nel mondo, quello di sfogare la rabbia e le emozioni negative provocate dalla crisi sanitaria.

 

“La competizione vuole aiutare il pubblico a incanalare la propria frustrazione ed è rivolta in particolare a coloro che hanno dovuto interrompere le loro attività a causa della pandemia” ha detto il direttore dell’associazione, Yani Srikandi, al quotidiano Jakarta Post. Per partecipare al concorso è necessario realizzare un video di tre minuti nel quale si maledice il virus, in lingua giavanese e nei modi più fantasiosi possibili, e poi postarlo su Instagram con una piccola introduzione. Un modo alternativo per far fronte alle conseguenze psicologiche della pandemia, a quanto pare non nuovo nell’isola indonesiana.

“Quando studiavo psicologia, ho avuto tra le mani un antico manoscritto zeppo di maledizioni” ha raccontato Srikandi, citato dal Jakarta Post: “Anche i poeti alla corte reale, insomma, sapevano insultare e dire improperi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»