Sport, Spadafora: “Proporrò apertura per centri e palestre il 25 maggio”

"Il campionato di calcio riaprirà solo dopo azioni di messa in sicurezza"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Lo sport di base e i centri sportivi di tutta Italia devono riaprire: per questo proporro’ nel prossimo Dpcm la loro riapertura al massimo il 25 maggio. Abbiamo gia’ inviato le linee guida al Comitato tecnico scientifico, e se avremo risposte positive, le strutture potranno riaprire anche prima”. Cosi’ il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, in una informativa urgente al Senato sulle misure per contrastare l’emergenza Covid-19.

“Questo protocollo e’ stato elaborato ascoltando le realta’ del territorio. Tutti devono avere la possibilita’ di riaprire, ed e’ interesse dei responsabili dei centri sportivi poter garantire la sicurezza dei propri clienti. Metteremo anche a disposizione delle risorse per chi dovesse avere problemi economici ad attuare in tempi rapidi questo protocollo”.

“Il protocollo inviato al Cts e’ stato elaborato ascoltando le realta’ del territorio e chi ha il problema di adattarlo alle singole strutture, molto diverse tra loro- ha aggiunto SpadaforaMa noi dobbiamo fare in modo che possano riaprire tutti con un protocollo rigido nel rispetto di alcune regole, ma adattabile alle diverse situazioni”.

Il ministro ha quindi spiegato come il Governo mettera’ a disposizione delle risorse per chi dovesse avere problemi economici ad attuare in tempi rapidi il protocollo. Nello specifico, “presso tutte le federazioni gia’ nella attribuzione dei fondi per il 2020 era stata congelata una cifra pari al 5% dell’ammontare dei contributi: una cifra pari a circa 17 milioni di euro che libereremo attraverso Sport e Salute, ma daremo una indicazione affinche’ sostengano tutte le associazioni e le societa’ sportive a livello locale per adeguamento degli impianti e sanificazioni”.

CAMPIONATO RIPRENDERÀ SOLO DOPO AZIONI PER SICUREZZA

“Se il campionato di calcio riprendera’, come tutti auspichiamo, lo fara’ perche’ ci arriveremo dopo una successione ordinata di azioni e protocolli svolti tali da consentire di riprendere in sicurezza per tutti coloro che sono coinvolti in questo mondo. Non era possibile decidere solo per fretta irresponsabile o spinte strumentali”. Cosi’ il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, in una informativa urgente al Senato sulle misure per contrastare l’emergenza Covid-19.

“L’altro giorno sono arrivate le valutazioni del Comitato tecnico scientifico sul Protocollo della Figc, sono osservazioni numerose e ne cito 3 particolarmente significative: garantire che se durante gli allenamenti dovesse emergere un positivo, la squadra e tutto lo staff tecnico restino in quarantena senza alcun contatto esterno; che siano i medici delle societa’ ad assumersi tutte le responsabilita’ dell’attuazione del protocollo, oppure che i numerosi test molecolari previsti per i calciatori non vengano fatti a discapito di tutti gli altri cittadini. Credo che le osservazioni saranno prese in considerazione dalla Figc, che immagino riadattera’ il proprio Protocollo per consentire la ripresa degli allenamenti dal 18 maggio”.

“Sono e siamo tutti consapevoli- ha aggiunto Spadafora in Aula al Senato- che la necessita’ per il calcio di terminare il campionato nasca sicuramente da motivazioni sportive ma anche da legittime e indiscutibili ragioni economiche, essendo legato alla questione dei diritti tv dal cui introito dipende l’equilibrio di tutto il sistema ma anche di squadre fortemente indebitate”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»