Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Moderna avvia la sperimentazione per il vaccino in età pediatrica

bambini_mascherina_coronavirus
La prima somministrazione in Texas. "I volontari saranno monitorati per 13 mesi- ha dichiarato Sarah Hasan, ricercatrice del DM Clinical Research del Texas- e sosterranno diverse visite di follow-up con i medici"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A due settimane dall’inizio delle vaccinazioni anti Covid-19, che hanno coinvolto a oggi più di 800 mila adulti in Italia, sono cominciati gli studi clinici per testare il vaccino in età pediatrica. Attualmente i due vaccini autorizzati in Europa dall’Ema sono quelli di Pfizer/BioNTech e di Moderna. Il primo non può essere iniettato a bambini e ragazzi al di sotto dei 16 anni e il secondo ai minori di 18. Le due aziende, dopo aver avviato il reclutamento per la sperimentazione su pazienti a partire dai 12 anni, hanno dato il via agli studi. Come riporta il sito americano Motherly, “Houston è una delle 20 città degli Stati Uniti in cui gli adolescenti sono in grado di prendere parte allo studio sui vaccini di Moderna”. La scorsa settimana, il Texas Center for Drug Development ha celebrato la prima dose somministrata a un ragazzo volontario con un post su Linkedin. “I volontari saranno monitorati per 13 mesi– ha dichiarato al notiziario KHOU 11 News Sarah Hasan, ricercatrice del DM Clinical Research del Texas- e sosterranno diverse visite di follow-up con i medici“.

LEGGI ANCHE: L’esperta: “La pelle è una ‘spia’ del Covid anche con pochi sintomi”

Arriva il vaccino Moderna in Italia: ecco come funziona

Vaia (Spallanzani): “Vaccino Reithera pronto a giugno, l’Italia sarà autosufficiente”

Anche la Mayo Clinic, come riportato dalla Keyc News, conferma l’avvio degli studi. “Abbiamo esteso la fascia d’età in cui li stiamo testando per includere i bambini”, dichiara Emily R. Levy, specialista di cure critiche pediatriche e malattie infettive pediatriche dell’organizzazione non-profit per la pratica e ricerca medica. Se le prove daranno delle buone risposte di sicurezza ed efficacia si procederà con la sperimentazione sulla fascia 6-12 anni e poi 2-6 anni. L’ipotesi più ottimistica vede l’arrivo del vaccino pediatrico entro la fine del 2021. Poi, per parlare di successo contro il Covid-19, l’estensione della copertura vaccinale dovrà riguardare quasi l’80% della popolazione, difficile da raggiungere senza includere bambini e ragazzi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»