Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Da Virginia Raffaele a Maccio Capatonda: svelati i concorrenti di Lol 2

lol2
Alla guida del comedy-show torna Fedez affiancato questa volta da Frank Matano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tutto pronto per la seconda edizione di ‘Lol – Chi ride è fuori‘, il comedy-show di successo di Amazon Prime Video, record di ascolti sulla piattaforma streaming. Nel programma dieci comici sono chiamati ad una sfida all’ultima risata, anzi alla prima. Scopo del gioco infatti è far ridere i colleghi durante le sei ore nelle quali i partecipanti sono bloccati all’interno di una stanza. Vince chi riesce a trattenere le risate. Nella prima edizione a trionfare è stato Ciro Priello dei The Jackal, che ha dovuto vedersela con comici del calibro di Caterina Guzzanti, Lillo e Frank Matano. Matano che ritroveremo anche nella nuova stagione del comedy-show nella veste di conduttore: prenderà il posto di Mara Maionchi al fianco di Fedez.

LOL 2, I CONCORRENTI

La seconda edizione di Lol a sfidarsi saranno grandi nomi della comicità made in Italy. Per la precisione: Virginia Raffaele, il Mago Forrest, Tess Masazza, Maccio Capatonda, Diana Del Bufalo, Alice Mangione, Gianmarco Pozzoli, Corrado Guzzanti, Max Angioni, Maria Di Biase. Ad annunciare i nuovi concorrenti in diretta sul profilo Instagram di Prime Video Italia sono stati i futuri conduttori Fedez e Frank Matano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»