Conte: “No a lockdown nazionale, se curva contagi cresce chiusure circoscritte”

Il premier a Taranto spiega che il decreto dovrebbe arrivare già stasera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Escluderei un nuovo lockdown” nazionale “a ragion veduta: abbiamo lavorato proprio per prevenirlo. Non siamo più nella condizione di intervenire in modo generalizzato su ampie aree del territorio”. Lo dice il premier Giuseppe Conte rispondendo ai giornalisti a Taranto.

“SE LA CURVA RISALE LOCKDOWN CIRCOSCRITTI”

“Se proprio la curva” epidemiologica “dovesse continuare a risalire prevedo qualche lockdown circoscritto territorialmente”, dice il premier.

“POTREMO RIDURRE I 14 GIORNI DI QUARANTENA”

“Potremmo ridurre la quarantena dai 14
giorni iniziali”.

“QUALCHE TIMORE PER CONTAGI COVID, MA MAGGIORANZA C’È ED È COESA”

“La maggioranza è compatta. C’è anche un po’ di preoccupazione per i casi positivi anche tra i parlamentari, che sono comuni mortali e potrebbero essere anche loro affetti. Ma comunque i numeri ci sono, la maggioranza è coesa”, aggiunge Conte a proposito del prossimo voto parlamentare sulla Nadef.

“FORTE RACCOMANDAZIONE A USO DELLE MASCHERINE IN CASA CON I NON CONVIVENTI”

Nel Dpcm il governo inserirà la previsione delle mascherine all’aperto che ha già messo in termini generali nel decreto legge. “Mentre però è vincolante la norma sulle mascherine all’aperto, inseriremo una forte raccomandazione sulle mascherine all’interno delle abitazioni private in presenze di persone non conviventi”. Così a quanto si apprende il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte nel corso della cabina di regia con gli enti locali sul nuovo dpcm. “Non riteniamo di introdurre una norma vincolante – aggiunge il premier- ma vogliamo dare il messaggio che se si ricevono persone non conviventi anche in casa bisogna usare la mascherina”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»