VIDEO | Bielorussia, terza notte di cortei: la violenza sta aumentando

Fonte alla Dire: "La polizia danneggia le auto e picchia le persone"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Le proteste della notte scorsa sono state represse con ancor più brutalità. Molte persone hanno raccontato di essere state picchiate mentre stavano marciando pacificamente o mentre erano ferme, radunate in piccoli gruppi. Sono state anche danneggiate varie auto private: le forze di sicurezza hanno avvertito che non avrebbero permesso alle persone di bloccare le strade creando degli ingorghi, così come è stato fatto nei corte di lunedì sera”. Questo il bilancio reso all’agenzia Dire da una fonte locale che ha chiesto di restare anonima, sui cortei che hanno avuto luogo la notte scorsa a Minsk, in Bielorussia. Si è trattato della terza notte consecutiva di manifestazioni con cui i cittadini contestano l’irregolarità delle presidenziali di domenica, che hanno riconfermato per la sesta volta il presidente Aleksandr Lukashenko alla guida del Paese. Proteste alimentate anche dalla partenza improvvisa verso la Lituania della principale avversaria alle urne di Lukashenko, Svetlana Tikhanovskay, all’alba di ieri. Una scelta che, secondo il fronte delle opposizioni, sarebbe seguita a “pressioni” e “minacce” da parte del governo. Foto e video che stanno circolando sui social network testimoniano di una città militarizzata, con blindati che attraversano le strade e molti uomini dell’Unità speciale antisommossa spiegati per le strade. Si vedono momenti di violenza, mentre alcuni sui social network denunciano di cittadini picchiati per aver lasciato fiori sul luogo dove lunedì notte è morto un manifestante. Dati ufficiali del ministero dell’Interno stamani hanno indicato un migliaio di arresti, 51 civili finite in ospedale, 14 feriti tra le forze di sicurezza e 17 manifestanti denunciati.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»