Istiga figlio minorenne a uccidere un 30enne, arrestata a Napoli

A seguito di una lite per futili motivi il giovane avrebbe esploso tre colpi di arma da fuoco contro Antonio Rivieccio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Avrebbe istigato suo figlio a commettere un omicidio. Successivamente lo avrebbe aiutato a disfarsi dell’arma impiegata nascondendola in un luogo ancora sconosciuto. Queste le accuse mosse nei confronti di Anna Bosco, finita in carcere a seguito di un’ordinanza di custodia emessa dal Gip del tribunale di Torre Annunziata. Deve rispondere del reato di omicidio, commesso in concorso con il figlio minorenne gia’ detenuto per lo stesso fatto. La vittima e’ Antonio Rivieccio, 30enne ucciso l’11 marzo scorso all’interno del complesso residenziale del Piano Napoli a Boscoreale. Le indagini, coordinate dalla procura oplontina, hanno consentito di accertare che il figlio della Basco, a seguito di una lite per futili motivi, avrebbe esploso tre colpi di arma da fuoco contro Rivieccio causandone, su istigazione della madre, la morte. La donna e’ ora rinchiusa nel carcere femminile di Pozzuoli.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»