Il pm di Bergamo a Palazzo Chigi: dopo Conte, ascoltati anche Lamorgese e Speranza

Il premier audito nell'ambito dell'indagine sulla mancata zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://www.youtube.com/watch?v=29XG609bHeM&feature=youtu.be

ROMA – E’ arrivato a Palazzo Chigi il procuratore aggiunto di Bergamo Maria Cristina Rota per ascoltare come persona informata dei fatti il premier Giuseppe Conte. Il magistrato ha varcato il portone di palazzo Chigi a piedi insieme ad alcuni colleghi della Procura.

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte in un’intervista a Repubblica spiega di non temere “affatto di essere indagato” e di aver “agito in scienza e coscienza. Mi sono subito messo doverosamente a disposizione dei magistrati per informarli sulle circostanze di cui sono a conoscenza”, dice il premier a proposito della possibilita’ di di essere indagato dopo il colloquio di oggi con i Pm nell’ambito dell’inchiesta sulla mancata zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro. “Rifarei tutto quello che ho fatto perche’ come ho detto ho agito in scienza e coscienza”, dice Conte.

DOPO CONTE, ANCHE LAMORGESE E SPERANZA A CHIGI DA PM ROTA

Dopo quasi tre ore dall’arrivo del procuratore aggiunto di Bergamo Maria Cristina Rota a Palazzo Chigi, nella sede del governo arrivano anche i ministri dell’Interno Luciana Lamorgese e della Salute Roberto Speranza.

Il magistrato ha chiesto di poter tenere le audizioni dei due ministri a Palazzo Chigi subito dopo quella del presidente del consiglio. Conte, Lamorgese e Speranza sono sentiti come persone informate dei fatti nell’ambito dell’inchiesta sulla mancata zona rossa ad Alzano e Nembro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»