hamburger menu

Rose in fiore, in Emilia-Romagna 9 giardini e parchi dove ammirare le specie più rare

Ci sono i roseti di castelli millenari e i giardini di dimore storiche, mentre a Modena c'è il Museo della Rosa Antica di Serramazzoni: tra maggio e giugno è il periodo ideale per andare 'di rosa in rosa'

Gropparello-Baronne-de-Rothschild

BOLOGNA – Adorate per la loro bellezza, le rose sono considerate le altezze reali dei giardini. In Emilia-Romagna fra maggio e giugno scocca il momento magico per scoprire i parchi più belli e più sontuosi, meravigliosamente adornati da un mare di rose profumate.

ALMENO 150 SPECIE DI ROSE

IL CASTELLO DI GROPPARELLO E I 1200 ESEMPLARI

Cosa vedere. Nel ‘Parco delle fiabe’ si trova il Museo della Rosa, un percorso fra 1200 esemplari, 125 varietà, 17 roseti. Si incontrano rose antiche da 5 petali e rose con 100 petali, rose muschiate e quelle con spine lunghe 3 centimetri. Ci sono famigliole di “Baby Austen”, le tipiche rose inglesi che si arrampicano sulle facciate dei cottage, ma anche boccioli che profumano di limone e quelli con sentore di pesca o di tè. Molti esemplari hanno un proprio copyright, provengono da vivai blasonati come il Meilland di Parigi, come la rosa Baronne de Rothschild, un turbinio di 40 petali color porpora solferino, o la rinascimentale Alba Maxima dal candore tinto di albicocca e fragranza di spezie che fiorisce una volta sola a maggio: bisogna sospirare per anno prima di rivederla.

Dove. Castello di Gropparello (30 chilometri da Piacenza). Il maniero fu donato nell’anno 808 da Carlo Magno al vescovo di Piacenza Giuliano II. Il complesso comprende il Parco delle Fiabe e la Locanda del Castello con una suite nella torre del Barbagianni.

Info. Sempre aperto. La visita guidata del giardino costa 10 euro. Durata 1 ora e 30′.

A GRAZZANO VISCONTI TRA FIORI, FONTANE E RUSCELLI

Cosa vedere. Come ci si addentra nel parco di 150.000 metri quadrati, si perde la nozione del tempo perché il luogo è un paradiso che ospita una grande varietà di specie botaniche, specchi d’acqua con ninfee e vari roseti profumati. Ci sono anche un platano di 150 anni e un tiglio di 26 metri con una “ceppaia” (parte del tronco di un albero tagliata a fior di terra o troncata per cause naturali, da cui spuntano nuovi germogli) di sei tronchi dal diametro di un metro.

Dove. Castello di Grazzano Visconti nel comune di Vigolzone (12 chilometri da Piacenza). Il castello fu costruito (correva l’anno 1395) come dono per il matrimonio di Beatrice Visconti, sorella di Gian Galeazzo Visconti, sovrano di Milano. Ancora oggi è di proprietà della famiglia Visconti. Il parco è un eden di fiori, alberi secolari, statue e fontane, circondato da un borgo medievale da favola.

Info. Visite guidate al Parco tutti i week end e festivi, da primavera a novembre: 10 euro (45 minuti).  Castello più parco: 23 euro. 

IL MUSEO DELLA ROSA ANTICA DI SERRAMAZZONI

Cosa vedere. Ci sono vari percorsi coloratissimi con 2.400 rose antiche e classiche: da quelle endemiche dell’Himalaya, alla Rosa Balsamina, con le foglie profumate scoperta nel 1700. A Serramazzoni cresce la Rosa Sericea Pteracantha, l’unica rosa al mondo con solo quattro petali e con enormi spine rosse traslucide a forma d’ala. E c’è anche la rosa più piccola del mondo, la Mutiflora Watsoniana. Si presenta come un’esplosione di fiorellini bianchi e foglioline di due millimetri, viene dal Giappone ed è una rosa per collezionisti. A fine percorso c’è un negozio di giardinaggio tutto dedicato alle rose e un prato per sedersi per un pic nic tra colori e profumi.

Dove. Tre ettari di collina intorno a un lago e una vista panoramica sono l’ambiente del Giardino Museo delle Rose Antiche a Serramazzoni (25 chilometri da Modena). Qui crescono spontanee e senza interventi chimici 800 varietà di rose provenienti da tutto il mondo, Europa, Giappone, Medio Oriente, Cina, America. 

Info. Dal 15 aprile al 30 giugno: tutti i giorni, dall’alba al tramonto. Gli altri mesi su prenotazione. Biglietto: giardino + erbario 9 euro. Ridotto 6 euro.

Palazzo-Varignana
Palazzo di Varignana: rosa Teasing Georgia

ROSE TRA 100 QUERCE A PALAZZO VARIGNANA

Cosa vedere. Il parco è stato progettato creando muretti, terrazzi e una collezione di querce di oltre 100 esemplari con 76 specie diverse: è uno dei patrimoni arborei di questo tipo più importanti in Italia. Il percorso profumato delle rose si fonde nel paesaggio con quello degli alberi. Un centinaio di specie diverse prosperano nel parco, fra queste ci sono la Rosa Ballerina dai ricchi mazzi di fiori rosa dal centro bianco come se fossero un tutù e la Teasing Georgia con i suoi grandi fiori gialli a forma di rosetta e fragranza di rosa thea. Nel 2000 ha vinto il premio Henry Edland come “Rosa più Profumata” dell’anno.

Dove. Giardino di Palazzo Varignana, spa con relais, appena fuori Bologna, ci si arriva con una digressione dalla Via Emilia verso la collina. L’antica casa di campagna è avvolta da tre ettari di un giardino curatissimo della rete italiana “Great Italian Gardens”.

Info. La visita guidata al giardino, seguita da una merenda con selezione di tè e tisane a Palazzo di Varignana (caffè, tisane, tè, succhi di frutta, pasticceria mignon fatta in casa) costa 30 euro. Visita guidata del giardino 15 euro. Prenotazione obbligatoria.

UNA DIMORA SIGNORILE DI CAMPAGNA: ECCO VILLA LA BABILA

Cosa vedere. Nel percorso sono presenti numerose varietà di rose antiche e recenti. Fra queste spiccano cento rose costituite dal celebre Vivaio Barni. In questo caso il Cultivar creato da Barni (cioè la tipologia di rosa con il suo copyright e pedigree) è stato battezzato “Grandi Giardini Italiani”, in onore al network omonimo di Gardini di eccellenza fondato da Judith Wade e di cui Villa La Babina fa parte. Il visitatore passeggia nella pace lungo il percorso ovale cui si collegano vari sentieri. Si osservano le piante secolari, i lecci, il grande olmo e due cedri dell’Atlante che spiccano tra aiuole odorose e profumati roseti.

Dove Villa La Babina a Sasso Morelli di Imola è un’oasi di pace nella placida campagna bolognese. La Villa ha le caratteristiche dei parchi nobiliari delle dimore signorili del 1700. E’ stata riportata alla maestosità di un tempo da una cooperativa alimentare della zona.

Info. Il parco giardino è aperto tutto l’anno su prenotazione, la visita è gratuita.

A PALAZZO FANTINI (FORLI’ CESENA) CI SONO ANCHE I GIARDINI DI INVERNO

Nella corte tra giardini d’inverno in stile liberty e ninfei in terracotta, crescono rose rampicanti, profumatissime, come la Guinée (1938), rosso cremisi, e la Nahema che nel 1997 vinse il premio miglior fragranza. Di recente acquisizione, anche la Pierre de Ronsard (1985) con il suo inconfondibile fiore rosa e bianco. Nel giardino all’italiana traboccano famigliole di rose Polyantha, cioè quelle esplosioni di roselline di piccole dimensioni come la Dick Koster (1935): mazzi di fiori simili a ranuncoli rossi, leggiadramente in fiore per tutta la stagione. Al centro spicca la rosa intitolata a Grandi Giardini Italiani. Una cascata di Dorothy Perkins incornicia le arcate della serra da fine maggio a giugno. Più avanti c’è la rampicante senza spine Rosa banksie Lutea (1824) con la sua fioritura giallo zolfo e lungo i vialetti ecco la Rosa chinensis Mutabilis (1894) i cui fiori virano dalla tinta camoscio, al rosa e al rosso ramato.

Dove. Palazzo Fantini (1753) è nel centro di Tredozio, borgo sulle colline tra Romagna e Toscana. Il giardino, progettato nel 1800 con siepi in bosso italiano, passaggi segreti, fontane, ninfee, rose antiche, alberi secolari, fa parte del circuito Grandi Giardini Italiani.

Info Le visite sono su prenotazione. Ingresso 10 euro. Visita guidata 15 euro. Ci si può fermare nel B&B Torre Fantini.

A FAENZA L’ISTITUTO PERSOLINO-STROCCHI

Cosa vedere. Circa 500 piante suddivise in 100 varietà diverse, alcune delle quali molto antiche come la Rosa Gallica Versicolor, detta Rosa Mundi, risalente probabilmente al XII secolo. C’è anche la Chapeau De Napoleon. La leggenda racconta che questa rosa fu trovata in una fessura di un muro di un convento in Svizzera nel 1820. Si chiama così perché i boccioli più interni ricordano il cappello tricorno dell’Imperatore. Questo Roseto fa parte dei 600 luoghi considerati di interesse paesaggistico dal Fai, Fondo ambiente italiano. Sarà visitabile il 15 e 16 maggio nelle Giornate FAI di Primavera 2022.

Dove. Nel giardino dell’Istituto Agrario Persolino-Strocchi di Faenza. Un gruppo di docenti dopo aver visitato alcuni roseti storici, decise di realizzare qui una collezione di rose antiche. Oggi quel sogno è diventato realtà.

Info. Sabato 15 maggio e domenica 16 maggio 2021 il Roseto didattico sarà aperto per le Giornate del Fai. La prenotazione è obbligatoria. Al termine si potranno acquistare i prodotti a km zero realizzati nell’azienda agraria Persolino. L’ultimo week end di maggio, 27-29 si terrà il prestigioso Concorso internazionale della Rosa. Visita gratuita su prenotazione fra maggio e i primi di giugno.

IL RIFUGIO DELLA ROSA AD ALFONSINE

Cosa vedere. Il Rifugio della Rosa ad Alfonsine è un giardino pieno di poesia, gentilezza e soprattutto di oltre 500 varietà di rose, alcune della quali davvero rarissime. Questa oasi di 5.000 metri quadrati è il giardino privato di una coppia di coniugi, Gianna e Dino Martini, appassionati di fiori e che lo curano da 25 anni. Fra tanti boccioli e corolle, ci sono anche 120 varietà di peonie che fioriscono poco prima delle rose. Vi sono rose inglesi, rose Tea, nuvole di rosabunda e poi rose Galliche, Damascene, Alba, Centifoglia, Muscose, Portland, Bourbon, Cinesi, Noisette, Ibridi di Moscata, Rugose e molte tipologie antiche del periodo 1500-1800. Alcune rose sono state ritrovate in vecchie case di campagna o addirittura individuate lungo i fossi nei campi circostanti , ecco perché alcune sono ancora senza nome.

Dove. Il Giardino si trova a Villa Pianta di Alfonsine in via Reale Lavezzola 89. Nel mese di maggio i signori Martini aprono io cancelli per i tanti visitatori che entrano per godere della vista di tanti colori e il profumo di meravigliosi fiori.

Info. Ingresso gratuito con prenotazione al 3404807323

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-12T09:20:37+02:00