Draghi interviene sul caso Durigon: “Reparti Gdf autonomi, nessun generale ha indagato”

il presidente del Consiglio Mario Draghi risponde alla Camera a un'interrogazione sul caso Durigon
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I reparti della Guardia di finanza che hanno svolto le attività investigative sono comandati da ufficiali con il grado di colonnello, nessun ufficiale generale ha svolto ruoli direttivi nelle investigazioni. Tali ufficiali, tra l’altro, non possono ricoprire un ruolo diretto intervento nelle indagini. Tra l’altro i reparti operativi del corpo sono dotati di piena autonomia organizzativa”. Lo dice il presidente del Consiglio Mario Draghi, rispondendo alla Camera a un’interrogazione sul caso Durigon.

“La stessa procura di Milano, in data 29 aprile, ha confermato piena fiducia ai militari della Guardia di finanza evidenziandone la professionalità, il rigore e la tempestività negli accertamenti loro delegati”, sottolinea il premier.

LEGGI ANCHE: Nuova grana per il governo, bufera su Durigon: si va verso la sfiducia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»