Oms: “La variante indiana è presente in 44 Paesi del mondo”

coronavirus prelievi
Il maggior numero di casi di variante B.1.617, dopo l'India, è stato rilevato in Gran Bretagna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Organizzazione mondiale della sanità ha trovato la variante alla base dell’esplosione del numero di casi di covid-19 in India in decine di altri Paesi di tutto il mondo. Apparsa per la prima volta in India a ottobre, la mutazione B.1.617 è stata rilevata in sequenze caricate nel database Gisaid da 44 Paesi in tutte e sei le regioni dell’Oms. Lo ha reso noto l’organizzazione mondiale della Sanità, aggiungendo di aver ricevuto ‘notifiche di rilevamento in altri cinque Paesi’. Oltre che in India, dove si contano più di 250.000 decessi a causa del coronavirus, il maggior numero di casi di variante B.1.617 è stato rilevato in Gran Bretagna.
Classificata questa settimana dall’Oms come ‘preoccupante’, la mutazione è entrata a far parte della lista di altre tre varianti, quelle apparse per la prima volta nel Regno Unito, in Brasile e in Sudafrica, ritenute più pericolose della ‘versione originale’ del coronavirus perché più contagiose, mortali o resistenti a determinati vaccini. La variante indiana è stata aggiunta all’elenco a causa della sua maggiore contagiosità.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»