VIDEO | La sfida al mieloma multiplo fa tappa in Calabria

In Calabria sono circa 200 i nuovi casi diagnosticati ogni anno e diverse centinaia di pazienti convivono con la malattia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – La sfida al Mieloma multiplo, una forma aggressiva di tumore del sangue, ha fatto tappa anche a Reggio Calabria grazie alla campagna di sensibilizzazione Mieloma ti sfido, promossa da Ail (associazione italiana contro leucemie) e La Lampada di Aladino. In Calabria, secondo le stime del registro dei tumori di Reggio Calabria del 2018, sono circa 200 i nuovi casi diagnosticati ogni anno e diverse centinaia di pazienti convivono con la malattia, pazienti che possono avvalersi di Centri ematologici di eccellenza come quello del Grande ospedale metropolitano Bianchi-Melacrino-Morelli di Reggio Calabria. La malattia colpisce prevalentemente dopo i 60 anni. I dati sono stati illustrati nel corso di una conferenza alla quale hanno preso parte, tra gli altri, il presidente nazionale Ail Sergio Amadori, Donata Castelli componente del direttivo La Lampada di Aladino e il campione olimpionico di scherma Aldo Montano.

La campagna di sensibilizzazione sul Mieloma Multiplo, dopo aver toccato le citta’ di Roma, Milano, Napoli, Bari, Ancona, Bologna, Torino, Palermo nel 2019, Firenze prima tappa del 2020 e, dopo la lunga pausa legata all’emergenza sanitaria per il nuovo Coronavirus, e’ approdata a Reggio Calabria con l’installazione itinerante “I Duellanti”, allestita fino al 13 settembre in piazza Italia per veicolare ai cittadini il messaggio chiave, sintetizzato nell’hashtag ufficiale #iotisfido: unirsi alla sfida contro il Mieloma Multiplo, aiutare i pazienti a non cadere, perche’ i progressi delle terapie possono incoraggiarli nel loro percorso di cura.

“Grazie alla ricerca oggi la sopravvivenza dei pazienti e’ aumentata, la qualita’ di vita migliorata e il Mieloma multiplo sta perdendo terreno” e’ stato affermato nel corso dell’incontro reggino dove si e’ ricordato che “e’ fondamentale non abbassare la guardia: la sfida continua e adesso ci sono molte armi in piu’ per combatterla, come la terapia di mantenimento dopo il trapianto di cellule staminali, che aiuta i pazienti a guadagnare tempo di vita libero dalla malattia, allontanando le ricadute”. Alle persone affette da Mieloma multiplo La Lampada di Aladino offre un aiuto concreto per riequilibrare l’estrema fragilita’ psicologica e sociale subentrata nella loro vita, in particolare in questi mesi drammatici di emergenza sanitaria che hanno provocato disagi e ansia nei pazienti e nelle loro famiglie. 

AMADORI (AIL): “MIELOMA MULTIPLO ANCORA POCO CONOSCIUTO”

“Il Mieloma multiplo e’ un tumore del sangue molto aggressivo, che ha un impatto importante sulla qualita’ di vita dei pazienti. È una patologia ancora poco conosciuta, spesso diagnosticata non tempestivamente per il carattere aspecifico dei suoi sintomi” Cosi’ il presidente nazionale Ail Sergio Amadori oggi a Reggio Calabria in occasione della tappa calabrese della campagna Mieloma ti sfido. “Aumentare in generale la conoscenza di questo tumore ematologico, per migliorare la consapevolezza e la qualita’ di vita dei pazienti, e’ – ha aggiunto Amadori – fondamentale. È altrettanto importante dare ai pazienti un messaggio di speranza ed essere al loro fianco per incoraggiarli a continuare a combattere senza mai abbassare la guardia”. In tal senso campagne come Mieloma ti sfido hanno per il presidente nazionale Ail “un valore aggiunto proprio perche’ arrivano in modo capillare su tutto il territorio nazionale e sono tanto piu’ necessarie in tempi di Covid-19, per questi motivi e per il successo registrato finora, e’ fondamentale che il tour di questa campagna prosegua per raggiungere ancora una volta diverse citta’ italiane, diffondere conoscenza sul Mieloma e stare accanto ai pazienti”.

ALDO MONTANO: “LOTTARE FINO ALLA FINE”


La vita va sempre vissuta con positivita’ con il sostegno delle persone che sono accanto, che lottano insieme a te, e soprattutto non bisogna abbattersi davanti alle difficolta’. Anche se a volte la vita cerca di metterti al tappeto, l’obiettivo e’ lottare fino alla fine. Molte volte si riesce a vincere”. Cosi’ il campione olimpionico di scherma Aldo Montano, presente oggi a Reggio Calabria come testimonial della campagna Mieloma ti sfido promossa da Ail e La Lampada di Aladino.

MARTINO: “TRAPIANTO PROCEDURA CONSOLIDATA” 


“In Calabria la situazione non e’ drammatica come in altre regioni italiane”. Cosi’ il direttore dell’Uoc di Ematologia del Gom di Reggio Calabria Bruno Martino, intervenuto oggi al convegno Mieloma ti sfido promossa da Ail e La Lampada di Aladino. “Per quanto riguarda i pazienti con Mieloma – ha aggiunto Martino – fin dal 13 marzo li abbiamo sottoposto tutti al tampone prima di accedere in reparto, abbiamo creato corridoi ospedalieri Covid-free e messo in atto tutte le misure di sicurezza sanitaria e distanziamento sociale. I ricoveri non hanno subito rallentamenti, i trattamenti sono proseguiti e i pazienti urgenti avevano corsie preferenziali mentre per tutti gli altri abbiamo messo in atto i consulti da remoto. Tutto cio’ ha garantito una certa tranquillita’ per i pazienti e le famiglie e per gli operatori sanitari, anch’essi sottoposti a tampone. Abbiamo registrato solo due casi di pazienti con Mieloma positivi al Covid-19, ma avevano contratto l’infezione a domicilio”. Per il direttore dell’Uoc di Ematologia del Gom di Reggio Calabria “negli ultimi anni la gestione del Mieloma multiplo e’ decisamente cambiata non tanto relativamente al trapianto di cellule staminali autologhe, procedura ben consolidata da decenni e considerata terapia di scelta per i pazienti in eta’ e condizioni ottimali, quanto piuttosto per la disponibilita’ e i risultati delle terapie che precedono e seguono il trapianto”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»