Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Senza Green Pass niente mensa aziendale, a Torino il primo sciopero

primo giorno green pass a Bologna
Previste per venerdì 13 agosto due ore di sciopero alla Hanon system di Campiglione Fenile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TORINO – Due ore di sciopero con uscita anticipata su tutti i turni di lavoro venerdì prossimo, 13 agosto, alla Hanon system di Campiglione Fenile, in provincia di Torino. La protesta, indetta dalle Rsu della Fim-Cisl, riguarda l’esclusione dalla mensa aziendale per i lavoratori sprovvisti di green pass, annunciata dalla direzione risorse umane ai 600 dipendenti lo scorso 3 agosto. I lavoratori non vaccinati dovranno consumare il pasto all’aperto e questo ha fatto trasalire il sindacato, che, pur favorevole alla profilassi anti Covid, definisce “grave questa decisione, in quanto frutto di una mera ed errata interpretazione del Decreto Legge 105 del 23 luglio 2021. La norma- si legge nel volantino Fim che indice lo sciopero- parla di ‘esercizi che somministrano cibi e bevande’ e non di mense aziendali che già tra l’altro applicano i protocolli Covid”.

La Fim-Cisl chiede un ticket “a titolo di risarcimento per il danno subito” per tutti i lavoratori Hanon esclusi dalla mensa lunedì 9 agosto.

LEGGI ANCHE: Green pass, il Viminale chiarisce: “Anche i ristoratori possono chiedere i documenti d’identità”

Nel merito del provvedimento per la Rsu Fim-Cisl di Hanon Torino la direzione aziendale non dovrebbe procedere, “in quanto si discriminano i lavoratori e si viola la loro privacy mettendoli alla gogna davanti ai loro colleghi senza considerare i motivi per cui qualcuno non ha ancora fatto il vaccino“.

Inoltre, prosegue la Fim-Cisl torinese, “abbiamo chiesto all’azienda di aspettare chiarimenti dai ministeri di competenza prima di procedere, così come stanno facendo tutti i grandi gruppi e aziende del territorio, affinchè si abbia una linea comune e uniforme su tutto il territorio nazionale sulla falsa riga dei protocolli Covid introdotti ad aprile 2020″.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»