Corasaniti (Cassazione): “Riuso software nella pubblica amministrazione non è senza costi”

"Occorre gestione nuova risorse informatiche in pa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“Il riuso del software nella pubblica amministrazione non è senza costi perché l’utilizzazione di un software comporta una serie di problemi, innanzitutto di proprietà intellettuale e di manutenzione evolutiva, cioè di adattamento del software all’ambiente normativo e tecnologico in espansione. Quindi a volte si preferisce utilizzare un software proprietario o la gestione complessiva del rapporto attraverso una società di servizi. Le regole ci sono, sono poste dagli articoli 68, 69 e 70 del Cad (Codice dell’Amministrazione Digitale, ndr), ma sono palesemente insufficienti e soprattutto non garantiscono un’efficienza piena del processo di riuso”. Così all’agenzia di stampa Dire il sostituto procuratore generale della Corte di Cassazione Giuseppe Corasaniti a proposito del riuso del software nella PA, a margine del Dig.Eat 2018 che si è svolto oggi al centro congressi Roma Eventi della capitale.

“Il software non è un mobile- precisa Corasaniti- è un prodotto di creatività intellettuale particolarmente sofisticato che presenta sempre di più problemi di compatibilità con l’esterno. Compatibilità tecnica, perché si evolvono i sistemi informatici, e compatibilità giuridica, perché a volte bisogna adattare i dati contenuti nei sistemi informatici o i modi per trattare i dati a normative che possono essere continuamente modificate. Occorre- sottolinea il sostituto procuratore- una gestione nuova delle risorse informatiche della pubblica amministrazione sicuramente nel segno della semplificazione e del risparmio, ma nell’ambito di una cultura informatica che va potenziata all’interno della PA. Io diffido sempre di chi vende soluzioni pronte- spiega Corasaniti- perché poi sono modi per spendere, offrirsi o vendere qualcosa. La PA italiana ha bisogno di ritrovare la propria dignità e la propria cultura nell’innovazione e per l’innovazione. I veri colpevoli di questo processo sono gli amministratori, i politici, quelli che hanno parlato di innovazione senza conoscerla, senza praticarla o conoscendone solo un pezzo”. E sul Dig.Eat il sostituto procuratore dichiara: “Eventi come questo sicuramente aiutano a costruire una cultura comune, a mettere insieme idee apparentemente conflittuali. Bisogna creare una cultura dell’innovazione- conclude- facendo esplodere i problemi e facendo attenzione alle prospettive di chi non la pensa come noi. Così possiamo crescere”.

Leggi anche:

DIG.Eat 2018, le opportunità del regolamento europeo sulla protezione dei dati (Gdpr)

Digitale, Baselice (Intesa): “Fattura elettronica B2B opportunita’ per il Paese”

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»