In Madagascar file e tutto esaurito: ad Antananarivo apre l’unico cinema del Paese

Sono passati 20 anni da quando aveva chiuso l'ultimo cinema dell'isola a largo della costa africana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – File e tutto esaurito al Plaza, l’unico cinema del Madagascar, aperto nei giorni scorsi nella capitale Antananarivo. Sono passati 20 anni da quando aveva chiuso l’ultimo cinema dell’isola a largo della costa africana.

Negli anni ’90 le ultime sale erano state trasformate in centri commerciali o affittate a comunità religiose.

Ottocento posti a sedere, uno schermo con base di 13 metri, un sistema sonoro all’avanguardia e la possibilità di proiezioni in 3D.

Secondo servizi pubblicati dalla stampa e dalla tv del Madagascar, molti degli spettatori non erano mai entrati in un cinema: “Ci sono tante persone e i bambini sono felicissimi” ha raccontato una giovane madre.

L’idea di restaurare un vecchio anfiteatro abbandonato per farlo diventare un cinema moderno è stata di Andry Raobelina, amministratore delegato dell’emittente malgascia ‘Canal7:’ “Il cinema è una passione, è un modo per introdurre nuovamente la cultura cinematografica nel Paese”.

I giornali malgasci sottolineano che il Plaza è accessibile alle classi medio-alte. Per chi ama l’intrattenimento e non ha la possibilità di andare al cinema, invece, ci sono sempre le sale con panche di legno e televisione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»