Etna ancora inquieto, fontana di lava nella notte

La fontana è rimasta attiva fino alle 2:30, mentre la colata lavica ha fatto il suo percorso lungo il versante occidentale della Valle del Bove scendendo fino a quota 1.800 metri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Foto d’archivio

PALERMO – L’Etna è tornato a farsi sentire nella notte appena trascorsa con una fontana di lava dal cratere di Sud-est a circa tremila metri sul livello del mare, preceduta come sempre da una attività stromboliana. La fontana, secondo quanto rende noto l’Osservatorio etneo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è rimasta attiva fino alle 2:30, mentre la colata lavica ha fatto il suo percorso lungo il versante occidentale della Valle del Bove scendendo fino a quota 1.800 metri. Dal punto di vista sismico l’ampiezza del tremore vulcanico si è riportata su valori medi. La sorgente del tremore risulta in prossimità del cratere di Sud-est, a una profondità di 2.500 metri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»