Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Troppe malattie brevi in Ama, multe fino a 45 euro per i lavoratori

ama camion rifiuti
Confermate le misure già applicate nel 2017
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Per i lavoratori di Ama nel 2018 sarà meglio coprirsi bene e non ammalarsi, o rischiano stipendi decurtati e tagli pesanti fino a 45 euro per ogni giorno di malattia, che dopo una certa soglia verranno anche contate come doppie.

A comunicarlo ad azienda e dipendenti è il direttore Risorse umane di Ama Spa, Saverio Lopes, in una comunicazione di servizio interna dall’oggetto ‘Malattia di breve durata’, confermando le misure già applicate nel 2017.

COME FUNZIONA

“Poiché nel 2017 le assenze per malattia sono state ancora superiori al 4,7%, anche nel 2018 si applicherà quanto previsto dal Ccnl”, scrive Lopes. Che, nel dettaglio, spiega: “Dal sesto all’ottavo episodio di malattia breve (ovvero di durata pari o inferiore a 5 giorni, ndr) trattenuta di 35 euro lordi (se però i giorni dei primi quattro episodi sono complessivamente superiori a 13, anche non continuativi, la trattenuta verrà effettuata a partire già dal quinto evento); dal nono episodio in poi trattenuta retributiva di 45 euro lordi per ogni singolo evento”.

Infine, si legge nella comunicazione, “dal dodicesimo episodio di malattia breve in poi, oltre alle trattenute, le giornate di assenza per malattia breve contano doppie ai fini del comporto“, ovvero il periodo di tempo in cui si ha diritto a stare male senza essere licenziati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»