hamburger menu

Sci, la Coppa del Mondo sul Cervino per la prima volta sarà disputata in due nazioni: Italia e Svizzera

La pista 'Gran Becca', disegnata dal campione olimpico di discesa Didier Défago, sta prendendo forma in questi giorni

Pubblicato:09-10-2023 20:42
Ultimo aggiornamento:09-10-2023 20:59
Canale: Sport
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Conto alla rovescia iniziato per il Matterhorn Cervino Speed Opening 2023, l’apertura della Coppa del Mondo di sci alpino discesa libera sulla Gran Becca, che a poco più di un mese si è presentato con il doppio appuntamento del 9 ottobre a Milano e Roma. La passerella milanese e, quella capitolina sulla splendida Terrazza Caffarelli, ha mostrato l’inedito percorso del primo evento transfrontaliero nella storia dello sci alpino. Breuil-Cervinia e Zermatt, Federazione Italiana Sport Invernali e Swiss-Ski sono pronti a scrivere un nuovo capitolo della Coppa del Mondo.

“Mai nessuno, prima d’ora, aveva organizzato una gara di sci alpino trasfrontaliera che parte da un paese e arriva in un altro. Lo hanno fatto con questa Coppa del Mondo l’Italia e la Svizzera”. A dirlo con orgoglio, nella presentazione a Roma, sono il vicepresidente della Regione Valle D’Aosta, Luigi Bertschy, l’assessore regionale allo Sport e Turismo, Giulio Grosjacques, il vicepresidente Speed Opening, Marco Mosso, il presidente Coppa del Mondo Snowboard, Monica Meynet, e Federico Maquignaz, presidente Cervino Spa.
L’evento rivoluzionario promette grande spettacolo e dà appuntamenti ai tifosi nel fine settimana dell’11 e 12 novembre con due discese maschili, per replicare sabato 18 e domenica 19 con altrettante gare del circuito femminile.

Per assicurare una adeguata preparazione in vista delle prime gare di velocità, gli atleti hanno potuto allenarsi tutta l’estate sul ghiacciaio sopra Breuil-Cervinia e Zermatt, sfruttando condizioni eccezionali. Dal 21 ottobre inizierà invece una sessione di allenamento vera e propria per tutti i velocisti, che potranno utilizzare tre piste e la parte svizzera della Gran Becca. Il pendio che ospiterà la Coppa del Mondo resterà inoltre allestito anche dopo le gare, a disposizione degli atleti.

La pista ‘Gran Becca’, disegnata dal campione olimpico di discesa Didier Défago, sta prendendo forma in questi giorni. I due terzi della pista che si trovano sul ghiacciaio sono già in ottime condizioni, mentre nella seconda parte che porta verso la zona di arrivo di Cime Bianche Laghi i depositi di neve sono pronti. Non appena le temperature scenderanno, verrà prima di tutto distribuita la neve stoccata e poi messo in funzione l’impianto di innevamento programmato, in attesa di precipitazioni di neve naturale, che in situazioni normali non mancano in questo periodo e a queste altitudini. A cavallo tra la Valle d’Aosta e il Canton Vallese tutto procede secondo i piani del comitato organizzatore, che lavora da più di un anno e mezzo e che è ormai pronto a rifinire gli ultimi dettagli per realizzare con successo questo immenso, quanto complesso progetto.

Breuil-Cervinia e Zermatt stanno ormai definendo anche il vasto programma degli eventi collaterali per regalare agli appassionati di sci due fine settimana all’insegna dello sport, dello spettacolo e del divertimento. I biglietti di ingresso per accedere alla tribuna e all’area pubblica di Cime Bianche Laghi sono in vendita su speedopening.com.
“Abbiamo fatto tesoro di quanto successo lo scorso anno- ha dichiarato Marco Mosso, vice presidente del Comitato organizzatore- e ora in tutti i settori siamo pronti. Siamo molto fiduciosi per le condizioni attuali, la situazione è decisamente migliore rispetto allo scorso ottobre. Chiusa la parte di pianificazione, ora è il momento di entrare in azione e procedere agli allestimenti finali. Non vediamo l’ora di vedere le immagini di Breuil-Cervinia e Zermatt in giro per il mondo”.

Federico Maquignaz, presidente di Cervino Spa, ha dichiarato: “È una grande soddisfazione veder realizzare questo progetto, nato da una chiacchierata tra amici a Breuil-Cervinia. Ci fa altresì piacere che i colleghi svizzeri abbiano accolto subito questa bella e innovativa sfida, perché un evento sportivo di questa portata è senza dubbio un veicolo pubblicitario immenso per un comprensorio sciistico come il nostro, così come per gli sport invernali e il turismo in generale. Ora ancor di più con l’inaugurazione del Matterhorn Alpine Crossing, che collega Breuil-Cervinia e Zermatt attraverso il Klein Matterhorn”.

Per Franz Julen, presidente del Comitato organizzatore, “la Fis ha accolto la richiesta da noi avanzata per spostare due settimane avanti le gare. Il ghiacciaio è in perfette condizioni, come lo scorso anno. I cinque depositi di neve al posto di due e lo spostamento avanti di due settimane giustificano inoltre il nostro ottimismo. Per quanto riguarda l’organizzazione, abbiamo fatto tutto il possibile su entrambi i versanti del Cervino, con l’intento di mettere in piedi un evento di alta qualità. Breuil-Cervinia e Zermatt saranno per sei settimane il centro di allenamento e di gara per i velocisti di tutto il mondo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-10-09T20:59:09+01:00